Le vittime della baby gang: «Alcuni mi picchiavano, gli altri ridevano»

Un quindicenne ora evita di passare in alcune zone della città: «Ignorato dai passanti, la mia ragazza non dorme di notte»