Contenuto riservato agli abbonati

Cinque laureati dietro al banco, apre la pescheria a miglio zero

Andrea Chinellato, Federico Riccato e Riccardo Fiorin

In via Altinia c'è un negozio con pesci della laguna e dell’Alto Adriatico «La vallicoltura veneta è la più antica forma di itticoltura del Mediterraneo» 

FAVARO VENETO. Pesce a miglio zero. Nasce dall’idea di un gruppo di laureati e dottorati in scienze ambientali a Venezia, cui si aggiunge un biologo marino, il progetto di una «pescheria itticosostenibile».

Apre a Favaro Veneto la prima pescheria a miglio zero

Aperta l'8 gennaio in via Altinia 112, ha la caratteristica di promuovere solo pesce di provenienza dell’Alto Adriatica allevato o pescato secondo i criteri della sostenibilità ambientale.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

L'ingloriosa fine dei mitici capannoni del Nordest: il videoracconto

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi