Pubblicato il terzo bando di vendita del Vega

Base d’asta 44 milioni, offerte dal primo al 18 febbraio del prossimo anno.

MARGHERA. Undici lotti di fabbricati, affittati per un buon 90 % ad enti pubblici e privati, sono ora in vendita per un totale di base da d’asta di 44 milioni di euro, acquistabili in blocco e a pezzi. Sono questi, in estrema sintesi, i termini del nuovo bando – pubblicato con la firma del liquidatore giudiziale del concordato, Paolo Marchiori, ed il presidente del Vega, Roberto Ferrara – per la vendita del Parco tecnologico e scientifico Vega di Marghera, in esecuzione del concordato preventivo (approvato nel 2013 dal tribunale di Venezia) con l’obbiettivo di far rientrale la società consortile dal debito di 15 milioni di euro accumulato nei confronti di fornitori e banche. Si tratta del terzo banco che, a differenza dei due precedenti andati deserti, mette in vendita, oltre agli edifici Aurigia e parte del Lybra, anche gli edifici di proprietà diretta del Comune di Venezia, ovvero gli edifici attualmente affittati – nella quasi totalità dall’Università di Ca’ Foscari (l’edificio Pegaso 2 e il cosiddetto edificio Porta della Innovazione) –, alcune parti (vani) dell’edifico Antares, del Pegaso 2 e di via Pacinotti, la Torre Hammon restaurata che attualmente ospita i servizi di mensa e ristorazione del Parco Vega, il “lastrico solare” dell’edificio Pleiadi e una parte dei terreni dell’ex area Agip ancora non utilizzata.


Le offerte dovranno essere accompagnate da un deposito cauzionale, da effettuare per ciascun lotto cui si intende partecipare e per un importo pari al 10% del prezzo posto a base d’asta (senza considerare l’eventuale ribasso). Le offerte potranno essere presentate dal 1 al 18 febbraio dell’anno prossimo, con “aggiudicazione provvisoria” entro il giorno successivo, alle ore 10 nella sede del Parco Vega in via Delle Industrie. —

Video del giorno

Mafia, 9 arresti della Dia di Trieste: le parole del procuratore De Nicolo

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi