In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Riqualificazione dell’ex Perfosfati Futuro incerto

La giunta Senatore aveva già approvato il progetto esecutivo In attesa dello sblocco dei fondi l’area rimane fatiscente e il recupero a rischio

Mattia Nicolò Scavo
1 minuto di lettura

PORTOGRUARO

Cosa ne sarà dell’ex Perfosfati? Nei fondi del Bando Periferie c’erano anche i 4 milioni e 890 mila euro destinati ai paraboloidi di Portogruaro, unici nel loro genere. Per ottenere la bonifica e riqualificazione dell’area ex Perfosfati, lo scorso agosto l’amministrazione Senatore aveva approvato il progetto esecutivo per il «restauro, risanamento conservativo e consolidamento statico».

Tra gli elementi di novità lo spostamento della bonifica ambientale dalla seconda alla prima fase dei lavori, alla cui conclusione rimangono ancora dubbi da parte dei capigruppo del Movimento 5 Stelle Claudio Fagotto e del Centrosinistra Marco Terenzi sulla fruibilità della struttura.

Nella fattispecie i tecnici hanno previsto la realizzazione di un diaframma di spessore non inferiore ai 50 centimetri e profondo 6 metri e due capping superficiali, di cui uno tra il lato sud e la zona del primo contenimento mentre l’altro nel sedime del capannone.

Ora che i sindaci coinvolti sono in rivolta per il rinvio dei fondi e dopo che l’Anci ha interrotto i rapporti con il Governo a causa del mancato accordo sul ripristino dei finanziamenti si è creata una rottura, per cui una situazione prima ben delineata è diventata ora un’incognita. La soluzione pare essere quella indicata nel testo dell’emendamento, ossia reimpiegare i fondi in questione all’interno di un fondo cassa per i comuni virtuosi con avanzi d’amministrazione degli esercizi precedenti.

Ma nel frattempo l’ex Perfosfati rimane fatiscente e Portogruaro attende ancora una volta un recupero strategico e un’opportunità ricca di prospettive. —

Mattia Nicolò Scavo

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI



I commenti dei lettori