Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Gruppi di vicinato anche tra i negozianti

NOALENon solo i cittadini: Noale punta al controllo di vicinato anche per i commercianti. In questi giorni, il Comune ha invitato i negozianti del territorio a una riunione fissata per lunedì 1...

NOALE

Non solo i cittadini: Noale punta al controllo di vicinato anche per i commercianti. In questi giorni, il Comune ha invitato i negozianti del territorio a una riunione fissata per lunedì 1 ottobre per cominciare a parlare della possibilità di allargare il servizio che, a oggi, coinvolge sei gruppi per quasi 450 famiglie.

Ormai l’iniziativa è riconosciuta dal Ministero dell’Interno che, attraverso la prefettura, ha redatto nei mesi scorsi un protocollo dove pure Noale ha aderito.

Il ragi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

NOALE

Non solo i cittadini: Noale punta al controllo di vicinato anche per i commercianti. In questi giorni, il Comune ha invitato i negozianti del territorio a una riunione fissata per lunedì 1 ottobre per cominciare a parlare della possibilità di allargare il servizio che, a oggi, coinvolge sei gruppi per quasi 450 famiglie.

Ormai l’iniziativa è riconosciuta dal Ministero dell’Interno che, attraverso la prefettura, ha redatto nei mesi scorsi un protocollo dove pure Noale ha aderito.

Il ragionamento dal municipio è il seguente: i commercianti, per definizione, sono presenti ovunque, capoluogo, frazioni, e hanno occhi ed esperienza per “leggere” eventuali situazioni sospette. Potrebbero essere utili, dunque, per segnalare malintenzionati e tenerli alla larga. Lo scopo del controllo di vicinato è proprio questo e, lavorando assieme alle forze dell’ordine, si possono prevenire furti, rapine e altri fatti criminosi.

Il Comune conta di trasferire l’esperienza delle famiglie ai loro negozianti, per aumentare il fronte delle aree coperte dal controllo di vicinato e avere anche delle sentinelle in tutte le ore del giorno. La riunione d’inizio ottobre servirà a capire, e valutare, se ci saranno commercianti interessati e poi si trarranno le conclusioni. Un momento esplorativo. Alla serata interverranno anche i referenti dei vari gruppi locali e racconteranno il progetto e come organizzarlo. —

A. Rag.