Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

associazione El Félze Pellestrina

Emilio Ballarin spiega che chi vive a Pellestrina è un pendolare per definizione. «Fin da bambini si usano pullman e imbarcazioni per raggiungere Venezia o Chioggia. E se non fai il pescatore quella...

Emilio Ballarin spiega che chi vive a Pellestrina è un pendolare per definizione. «Fin da bambini si usano pullman e imbarcazioni per raggiungere Venezia o Chioggia. E se non fai il pescatore quella è la tua vita, una vita da pendolare. Per cui per un abitante dell’isola è naturale questo andare e tornare quotidiano, fin da ragazzino. Esci per andare a scuola e poi lo fai per lavoro». E poco importa che ci impieghi, dalla terraferma, quanto per andare a Cortina. L’isola è l’isola e rimane un ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Emilio Ballarin spiega che chi vive a Pellestrina è un pendolare per definizione. «Fin da bambini si usano pullman e imbarcazioni per raggiungere Venezia o Chioggia. E se non fai il pescatore quella è la tua vita, una vita da pendolare. Per cui per un abitante dell’isola è naturale questo andare e tornare quotidiano, fin da ragazzino. Esci per andare a scuola e poi lo fai per lavoro». E poco importa che ci impieghi, dalla terraferma, quanto per andare a Cortina. L’isola è l’isola e rimane unica nel suo vivere lento. E chi ci è nato difficilmente si stacca.

Emilio ha lavorato per una vita alla Cna di Venezia. E una volta andato in pensione Saverio Pastor, remèr, è riuscito a coinvolgerlo nel progetto de “el Félze”, l’associazione che raggruppa gli artigiani che partecipano alla realizzazione di una gondola: squerarióli, fondidóri, intagiadóri, tapessièri, caleghèri, remèri, favri, battiloro e indoradóri, baretèri e sartóri. Si tratta di artigiani con la “A” maiuscola e il loro sapere antico è arte. Emilio si divide fra il tenere in ordine conti e carte de “el Félze” e il museo di Pellestrina.

Merletto a fuselli

A San Pietro in Volta, lui e altri volontari sono impegnati a raccogliere oggetti e documenti che raccontano l’isola dalla difesa a mare dei “murazzi” all’ “Acqua Granda”, (la grande alluvione del 1966), dalla pesca alle imbarcazioni tradizionali senza dimenticare il merletto a “balon”, più conosciuto con il nome di “merletto a fuselli”. Antica arte di Pellestrina. Emilio ha iniziato questo lavoro di raccolta, dopo aver abbandonato il ruolo di presidente della Municipalità e aver promesso a un suo concittadino di organizzare in sale espositive permanenti tutto il materiale di interesse storico che l’altro aveva raccolto. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI