Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Apre il bar dell’ospedale gestito da due disabili

JESOLORoberto e Fabrizio sono i due baristi che gestiranno il primo bar all’interno dell’ospedale di Jesolo. Il primo starà dietro al bancone, il secondo invece servirà la clientela al tavolo. Sono...

JESOLO

Roberto e Fabrizio sono i due baristi che gestiranno il primo bar all’interno dell’ospedale di Jesolo. Il primo starà dietro al bancone, il secondo invece servirà la clientela al tavolo. Sono entrambi disabili e non a caso sono stati scelti dal Servizio Integrazione Lavorativa (Sil) dell’Usl 4 che si occupa dell’inserimento nel mondo del lavoro di persone con handicap. Fabrizio, 54 anni, di Jesolo, e Roberto, 31 anni, di Caorle, hanno alle spalle varie esperienze lavorative. Fabrizio h ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

JESOLO

Roberto e Fabrizio sono i due baristi che gestiranno il primo bar all’interno dell’ospedale di Jesolo. Il primo starà dietro al bancone, il secondo invece servirà la clientela al tavolo. Sono entrambi disabili e non a caso sono stati scelti dal Servizio Integrazione Lavorativa (Sil) dell’Usl 4 che si occupa dell’inserimento nel mondo del lavoro di persone con handicap. Fabrizio, 54 anni, di Jesolo, e Roberto, 31 anni, di Caorle, hanno alle spalle varie esperienze lavorative. Fabrizio ha iniziato già ieri a servire i primi caffè ed è orgoglioso perché accontenta i suoi concittadini. Roberto inizierà invece oggi. L’apertura del bar, per la struttura sanitaria, oltre ad essere un servizio importante per la cittadinanza e il personale ospedaliero, ha anche una vocazione sociale dato che impiega disabili affiancati da tutor e da personale del gestore della nuova attività di Jesolmare che già gestisce la spiaggia di Nemo e che si è aggiudicato il servizio nel bando di gara. La posizione privilegiata dell’ospedale di Jesolo ha permesso di mettere a disposizione della clientela del bar, posto al piano terra del nosocomio, anche un plateatico esterno affacciato sulla spiaggia, dove Jesolmare ha creato un’area con tavolini e divanetti per fornire il massimo confort. «Questa novità», osserva il dg Carlo Bramezza, «si integra con le attività di turismo sociale che, da due anni, sta coordinando l’Ulss4, Auspico quindi che questo virtuoso modello di attività che coinvolge pubblico, privato turismo e sociale, sia un esempio da replicarsi anche in altre realtà simili a questa». —