Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Truffatore a “scrocco” in ristoranti e hotel

MOGLIANOUno “scroccone” seriale d’altri tempi si aggira per i locali e gli alberghi di Mogliano: è ben vestito, cortese, socievole e, a quanto pare, infallibile. Negli ultimi giorni le sue “truffe”...

MOGLIANO

Uno “scroccone” seriale d’altri tempi si aggira per i locali e gli alberghi di Mogliano: è ben vestito, cortese, socievole e, a quanto pare, infallibile. Negli ultimi giorni le sue “truffe” hanno colpito diversi esercenti e sono state anche segnalate ai carabinieri.

Si tratta di un quarantenne: si muove in auto, si presenta ben vestito e affabile, ma quando c’è da pagare il conto si è già dileguato. Un altro dettaglio: ama trattarsi bene. Tra i locali che sono rimasti vittima della su ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MOGLIANO

Uno “scroccone” seriale d’altri tempi si aggira per i locali e gli alberghi di Mogliano: è ben vestito, cortese, socievole e, a quanto pare, infallibile. Negli ultimi giorni le sue “truffe” hanno colpito diversi esercenti e sono state anche segnalate ai carabinieri.

Si tratta di un quarantenne: si muove in auto, si presenta ben vestito e affabile, ma quando c’è da pagare il conto si è già dileguato. Un altro dettaglio: ama trattarsi bene. Tra i locali che sono rimasti vittima della sua “truffa dell’amico” ci sono due pub molto noti in città la Lampada e l’Helmut. La tecnica è semplice: «Arriva, saluta, intavola una cordiale discussione», spiega Giorgio Copparoni, gestore della Lampada di via San Marco, «al momento di ordinare spiega che sta aspettando un amico e poi, sfruttando una disattenzione, esce senza pagare».

Il trucchetto, che potrebbe apparire assai banale, riesce anche perché lo “scroccone”, in virtù del suo fare distinto e socievole, riesce subito a non far presagire il suo piano truffaldino. Le scelte del menu sono quasi sempre le più ricercate e gustose: un filetto di carne, una birra artigianale, un dolce, insomma non si bada a spese. Nemmeno quando c’è da pernottare: l’uomo avrebbe “scroccato” anche il soggiorno in quattro stelle del centro e un bed & breakfast.

I carabinieri hanno capito chi è ma potranno agire solo dopo la denuncia dei gestori danneggiati. —

Matteo Marcon