Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Virus West Nile, forti multe ai privati che non disinfestano

Linea dura dei sindaci della Riviera  dopo la diffusione della malattia tra Miranese e Riviera Boscaro e Dori: «Intervenire solamente sul verde pubblico è del tutto inutile»

MIRA. I sindaci della Riviera del Brenta e del Miranese pronti a multare i privati se non faranno le opportune disinfestazioni per contenere la malattia West Nile diffusa principalmente dalla zanzara di tipo “culex” cioè la zanzara comune. Questo quello che è emerso l’altra sera alla serata informativa organizzata dal Comune di Mira con l’azienda sanitaria e i sindaci dei Comuni del comprensorio.

È stato presentato un piano di distribuzione di pastiglie larvicida ai cittadini in occasione del ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MIRA. I sindaci della Riviera del Brenta e del Miranese pronti a multare i privati se non faranno le opportune disinfestazioni per contenere la malattia West Nile diffusa principalmente dalla zanzara di tipo “culex” cioè la zanzara comune. Questo quello che è emerso l’altra sera alla serata informativa organizzata dal Comune di Mira con l’azienda sanitaria e i sindaci dei Comuni del comprensorio.

È stato presentato un piano di distribuzione di pastiglie larvicida ai cittadini in occasione dell’appuntamento promosso dalla Conferenza dei Sindaci della Riviera, in collaborazione con il Dipartimento di Prevenzione Usl 3 Serenissima e rivolto a tutti i cittadini di 17 Comuni dell’ex Usl 13.

I casi di West Nile in Riviera e Miranese sono saliti in questi giorni a 10: 2 a Mira, 2 a Camponogara, 1 a Pianiga, 1 a Dolo, 1 a Vigonovo, 1 a Spinea 1 a Noale, 1 a Stra ed infine quello di Campolongo di qualche giorno fa con un quarantenne in ospedale.



Il sindaco di Fossò Federica Boscaro (che di professione è medico) e il sindaco di Mira Marco Dori hanno sottolineato come sia importante che oltre ai Comuni facciano la loro parte anche i privati. Senza l’azione dei privati le bonifiche fatte da Usl e Veritas sono vanificate. Nei paesi che hanno avuto le persone ammalate si stimano siano state fatte oltre 600-700 disinfestazioni in aree verdi e parchi pubblici. «La linea che emerge dai sindaci del comprensorio», spiega il sindaco di Camponogara, Giampietro Menin, «è quella di sanzionare chi fra i privati cittadini pur essendone a conoscenza non rispetta le regole di igiene pubblica a cui tutti siamo tenuti per evitare il proliferare del virus. Io ho già emesso una ordinanza in tal senso».

Il funzionario dell’Usl 3 Vittorio Selle ha sottolineato i dati regionali della diffusione del virus spiegando come i primi riscontri positivi sulle zanzare fossero arrivati già a giugno. Si è spiegato come si tratti di una malattia non particolarmente letale se non in anziani debilitati. I casi di bimbi e giovani ammalati infatti sonogiudicati rarissimi.

Cinque i casi nel Veneto Orientale. In questa settimana sono cinque le persone contagiate dal virus Febbre del Nilo nel Veneto orientale (Ulss4). I casi riguardano una donna ottantatreenne di San Stino di Livenza, un settantacinquenne di Cavallino Treporti, un settantaduenne di Pramaggiore: queste tre persone sono state ricoverate e non sono in gravi condizioni fisiche. Ci sono poi una donna di 56 anni di Cinto Caomaggiore che non è stata ricoverata in quando il virus non ha provocato particolari disagi fisici ma solo un'influenza, infine un ultrasessantacinquenne di San Donà di Piave dimesso ieri dall'ospedale. I casi di contagio riscontrati ad oggi nell'ambito dell'Ulss4 ammontano dunque a 22 con una media di un caso al giorno nelle ultime due settimane, e tutti si sono risolti, o sono in fase di risoluzione, con la completa guarigione. «Nessun allarme - spiegano i medici del Dipartimento di Prevenzione della Ulss4 - l'attenzione deve però rimanere alta, perchè è probabile che questo trend possa continuare anche a settembre»