Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Quaranta quintali di uva finiscono in un canale

SAN DONàQuaranta quintali di uva finita in un canale a Grassaga. Dalla strada, nei giorni scorsi, si avvertiva un gradevole profumo di frutta passata, con sentori di albicocca e rosa gialla. La...

SAN DONà

Quaranta quintali di uva finita in un canale a Grassaga. Dalla strada, nei giorni scorsi, si avvertiva un gradevole profumo di frutta passata, con sentori di albicocca e rosa gialla. La polizia locale non ha avuto difficoltà a trovarla. Questo è stato l’inebriante odore che si respirava un paio di giorni fa a Grassaga per via di 40 quintali di uva pinot grigio caduta in un fossato e di cui, purtroppo, non si potrà apprezzare la vinificazione.

Fatale per l’agricoltore, che la stava tr ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN DONà

Quaranta quintali di uva finita in un canale a Grassaga. Dalla strada, nei giorni scorsi, si avvertiva un gradevole profumo di frutta passata, con sentori di albicocca e rosa gialla. La polizia locale non ha avuto difficoltà a trovarla. Questo è stato l’inebriante odore che si respirava un paio di giorni fa a Grassaga per via di 40 quintali di uva pinot grigio caduta in un fossato e di cui, purtroppo, non si potrà apprezzare la vinificazione.

Fatale per l’agricoltore, che la stava trasportando il prezioso carico verso una cantina di Noventa di Piave, un leggero avvallamento del manto stradale e l’aver dimenticato aperto il cassone del rimorchio. Ha così perso il controllo del mezzo. Subito si sono addensate vespe e calabroni e sul posto è intervenuta la polizia locale di San Donà per assicurare il ripristino dei luoghi e le operazioni di recupero del carico. Uva che ormai sarà destinata al macero e ovviamente non più utilizzata dal contadino o dalla cantina. —

G.Ca.