Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Parcheggio di via Pascoli ridotto a una piscina

SPINEATorna la pioggia e tornano i problemi già evidenziati varie volte nei mesi passati al parcheggio di via Pascoli.Sono bastate un paio d’ore di pioggia notturna, e l’area si è trasformata in una...

SPINEA

Torna la pioggia e tornano i problemi già evidenziati varie volte nei mesi passati al parcheggio di via Pascoli.

Sono bastate un paio d’ore di pioggia notturna, e l’area si è trasformata in una palude. Ieri mattina per chi si è avventurato a riprendere la propria automobile o per chi cercava un posto dove parcheggiare, si è trattato di un vero e proprio rally nel fango tra pozzanghere molto estese.

Poche, dunque, le auto ferme, ma anche questo è un problema che, nonostante siano numerosi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SPINEA

Torna la pioggia e tornano i problemi già evidenziati varie volte nei mesi passati al parcheggio di via Pascoli.

Sono bastate un paio d’ore di pioggia notturna, e l’area si è trasformata in una palude. Ieri mattina per chi si è avventurato a riprendere la propria automobile o per chi cercava un posto dove parcheggiare, si è trattato di un vero e proprio rally nel fango tra pozzanghere molto estese.

Poche, dunque, le auto ferme, ma anche questo è un problema che, nonostante siano numerosi i frequentatori dei vicini centri sportivi, è ormai una costante per via Pascoli.

«Chi arriva vede le condizioni di degrado e se ve subito senza nemmeno provare a parcheggiare», spiegano i residenti, «E non è servita a molto nemmeno la tanto sbandierata novità dell’illuminazione con pannelli fotovoltaici a garantire la sicurezza: se il parcheggio non è sfruttabile perché da terzo mondo è logico che non lo si sfrutti». —

Ma.To.