Mille cartoline per la Vida «No alla privatizzazione»

Promossa una campagna che punta a fare pressione su Ca’ Farsetti per impegnarla a rispettare la destinazione pubblica dell’immobile

A un anno di distanza dal caso dell’immobile La Vida in Campo San Giacomo, i cittadini che si sono presi a cuore il posto, lanciano la campagna “Una cartolina per La Vida”. L’obiettivo è consegnare al Comune mille cartoline il 17 settembre, una settimana prima della prossima udienza. «Chiediamo all’amministrazione comunale che il Piano Regolatore venga rispettato e quindi mantenuta la destinazione d’uso prevista per l’immobile Teatro di Anatomia» fanno sapere in un comunicato «La struttura è classificata come Tipologia Su che sta per Unità edilizia speciale preottocentesca a struttura unitaria, che prevede come destinazioni d’uso compatibili musei, sedi espositive, biblioteche, archivi, attrezzature associative, teatri, sale di ritrovo e attrezzature religiose». La campagna consiste nella raccolta di tantissime cartoline. «Chi vuole partecipare prenda una cartolina, scriva sopra il proprio nome e se vuole anche il cognome, e un messaggio per chiedere che gli immobili pubblici restino disponibili agli abitanti e che la comunità sia riconosciuta come soggetto capace di gestirli come spazi di cultura, relazione e incontro» si legge nel testo «Poi la cartolina deve essere portata a La Vida in modo da consegnarle tutte». L’obiettivo è di arrivare a 1000.

L’azione è volta a chiedere uno stop al cambio d’uso e alla privatizzazione del patrimonio pubblico. «Riteniamo» concludono nel comunicato «di aver dimostrato che l’Antico Teatro di Anatomia - La Vida non possa essere trasformato in un ristorante perché il Piano Regolatore non lo prevedono».


La storia è ormai nota: l’imprenditore Alberto Bastianello ha acquistato all’asta l’immobile della Regione per rifare lo storico ristorante La Vida. Su quell’immobile sembra ci fosse già in corso un progetto culturale tra cittadini e Regione. Quando è stato venduto i cittadini sono entrati, impedendone l’utilizzo. La Regione ha fatto sgomberare La Vida, ma i cittadini sono rimasti fuori, continuando a organizzare attività. Da allora il caso è passato nelle mani degli avvocati. —

Vera Mantengoli

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI



Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi