Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Chiesti lavori urgenti al campetto di via Luneo

SPINEA Il campetto da basket e quello da calcio di una delle aree sportive di Spinea, molto frequentato soprattutto da giovanissimi, è a rischio per il possibile cedimento delle strutture dei...

SPINEA

Il campetto da basket e quello da calcio di una delle aree sportive di Spinea, molto frequentato soprattutto da giovanissimi, è a rischio per il possibile cedimento delle strutture dei canestri. Per questo i genitori chiedono un rapido intervento da parte del comune prima che, come purtroppo successo in altre città italiane, possa accadere una tragedia. In via Luneo il campetto da basket subito accanto al campo da calcio, frequentato in questo periodo estivo ad ogni ora da ragazzi e b ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SPINEA

Il campetto da basket e quello da calcio di una delle aree sportive di Spinea, molto frequentato soprattutto da giovanissimi, è a rischio per il possibile cedimento delle strutture dei canestri. Per questo i genitori chiedono un rapido intervento da parte del comune prima che, come purtroppo successo in altre città italiane, possa accadere una tragedia. In via Luneo il campetto da basket subito accanto al campo da calcio, frequentato in questo periodo estivo ad ogni ora da ragazzi e bambini, presenta, a sentire i genitori, dei problemi strutturali che mettono a rischio la sua stessa agibilità. Da qualche giorno, come riferiscono, i pali esterni che sostengono le strutture da gioco (porte da calcio da una parte e canestri dall’alta) sembrano essere meno stabili, e alcuni dei bulloni sono malfermi e a evidente rischio distacco. «Riteniamo urgente che il comune intervenga», dicono i genitori, «per evitare possibili pericoli». —

Massimo Tonizzo