Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Non si farà l’autopsia della quattordicenne

TORRE DI MOSTOSaranno celebrati in Romania, in data da destinarsi, i funerali di Sinziana Remina Todoran, la quattordicenne scomparsa nel tragico incidente stradale di sabato in via Staffolo. La...

TORRE DI MOSTO

Saranno celebrati in Romania, in data da destinarsi, i funerali di Sinziana Remina Todoran, la quattordicenne scomparsa nel tragico incidente stradale di sabato in via Staffolo. La ragazzina, che viveva con il padre in Romania, si trovava in paese per trascorrere un periodo di vacanza insieme alla madre, trasferitasi a Torre da qualche tempo.

All’improvviso la vettura è uscita di strada, finendo nel fossato. Per Sinziana Remina Todoran non c’è stato nulla da fare. Mentre la zia, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

TORRE DI MOSTO

Saranno celebrati in Romania, in data da destinarsi, i funerali di Sinziana Remina Todoran, la quattordicenne scomparsa nel tragico incidente stradale di sabato in via Staffolo. La ragazzina, che viveva con il padre in Romania, si trovava in paese per trascorrere un periodo di vacanza insieme alla madre, trasferitasi a Torre da qualche tempo.

All’improvviso la vettura è uscita di strada, finendo nel fossato. Per Sinziana Remina Todoran non c’è stato nulla da fare. Mentre la zia, che si trovava al volante, è rimasta ferita in modo non grave. La Procura, che sta indagando con l’ipotesi di reato di omicidio stradale, ha ritenuto di non disporre l’autopsia sul corpo della ragazzina, concedendo il nulla osta ai funerali e, dunque, al rientro della salma nel suo Paese.

Ieri sera, però, anche la comunità torresana ha voluto rendere omaggio alla 14enne, con un Rosario in chiesa. In tanti si sono fermati davanti alla toccante epigrafe affissa in paese, in cui i familiari salutano la loro “principessa Panda Remina”. —

G.Mon.