Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Cavarzere, picchia la moglie fino ad ucciderla

Maila Beccarello, la vittima

E' successo all'alba, l'omicida è un detenuto ai domiciliari. Sul posto i carabinieri 

La casa del femminicidio di Cavarzere

CAVARZERE. Ammazzata di botte a 37 anni. Non si conoscono ancora i motivi del femminicidio avvenuto questa mattina alle 6 a Cavarzere. Il fatto è accaduto all'alba in una casa del pieno centro.Quando i carabinieri sono arrivati la donna italiana era in condizioni indescrivibili.

 La vittima è Maila Beccarello, 37 anni. Ad ucciderla il marito Natalino Boscolo Zemello d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

La casa del femminicidio di Cavarzere

CAVARZERE. Ammazzata di botte a 37 anni. Non si conoscono ancora i motivi del femminicidio avvenuto questa mattina alle 6 a Cavarzere. Il fatto è accaduto all'alba in una casa del pieno centro.Quando i carabinieri sono arrivati la donna italiana era in condizioni indescrivibili.

 La vittima è Maila Beccarello, 37 anni. Ad ucciderla il marito Natalino Boscolo Zemello di  35. La coppia aveva da tempo dissidi familiari. L'omicidio è avvenuto intorno alle 6 nell'abitazione della coppia a
Cavarzere.

L'abitazione dove è avvenuto l'omicidio (Foto Bon)

L'uomo che stamane ha ucciso la moglie a botte a Cavarzere, nel veneziano, era agli arresti domiciliari dal 2014 per una tentata estorsione. Secondo una prima ricostruzione dei militari, Natalino Boscolo Zemello ha sottoposto la moglie ad un pestaggio furioso.

Natalino Boscolo Zemello, l'omicida

Quando sono giunti nell'abitazione della coppia i sanitari del 118 la donna era già morta. Sino ad oggi l'uomo si era dimostrato un detenuto modello.

In passato lei non aveva mai denunciato nessun episodio di violenza. La chiamata al 118 è stata fatta da lui che ora si trova in caserma dai carabinieri.

Gli schizzi di sangue sul muro esterno dell'abitazione