Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Due incidenti nautici in laguna: tre morti e otto feriti

Poco prima di mezzanotte davanti al Lido un motoscafo con a bordo quattro giovani centra un "cofano" con due pescatori, entrambi deceduti. Nel pomeriggio una imbarcazione si ribalta a Valle Averto: perde la vita un 76enne

Motoscafo contro barca: due morti a Venezia. Il luogo dell'incidente

VENEZIA. Tre morti e otto feriti in due incidenti nautici in laguna che si sono verificati tra le 23.30 di venerdì 3 agosto e le 15 di sabato 4 agosto. Una giornata tragica per la laguna, un tributo pesantissimo.

IL DRAMMA AL LIDO. L'incidente si è verificato nella notte tra Sant’Andrea e San Nicoletto. Le vittime sono Renzo Rossi e Nata ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Motoscafo contro barca: due morti a Venezia. Il luogo dell'incidente

VENEZIA. Tre morti e otto feriti in due incidenti nautici in laguna che si sono verificati tra le 23.30 di venerdì 3 agosto e le 15 di sabato 4 agosto. Una giornata tragica per la laguna, un tributo pesantissimo.

IL DRAMMA AL LIDO. L'incidente si è verificato nella notte tra Sant’Andrea e San Nicoletto. Le vittime sono Renzo Rossi e Natalino Gavagnin, pensionati sessantenni di Castello, che stavano pescando. Abitavano entrambi in zona via Garibaldi.

Lo scontro è stato tra un piccolo motoscafo con fuoribordo e volante, dove a bordo c'erano quattro persone, tutti ragazzi veneziani tra i 23 e i 25 anni, e un "cofano" con i due pescatori.

Natalino Gavagnin e Renzo Rossi

Renzo Rossi, subito recuperato a poppa dell'imbarcazione, è stato soccorso dal personale del Suem 118 ed è morto durante il trasporto all'ospedale Civile di Venezia. Natalino Gavagnin, in un primo tempo dato per disperso, è stato recuperato dai soccorritori dopo circa un’ora davanti alla darsena di Sant'Elena: era ormai senza vita. Assistiti dai sanitari i quattro feriti, tutti giovani veneziani che hanno riportato solo lievi contusioni e sono stati medicati in pronto soccorso, per poi essere dimessi in mattinata. Sul posto i vigili del fuoco con due imbarcazioni e il nucleo sommozzatori di Vicenza, la capitaneria di porto, i carabinieri e la polizia di stato.

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di turno Giovanni Zorzi, sono affidate alla capitaneria di porto per competenza territoriale, in quanto il luogo dell'incidente è compreso in un canale marittimo. Nelle prossime ore il pm deciderà se disporre l'autopsia sulle salme delle vittime ed altri accertamenti per chiarire la dinamica dello schianto. L'alcoltest sul conducente dell'imbarcazione sarebbe negativo.

IL DRAMMA A VALLE AVERTO. A poco più di 12 ore dalla tragedia davanti a San Nicolò al Lido, un’altra tragedia in laguna nel pomeriggio di sabato 4, questa volta nell’Oasi Wwf di Valle Averto, nel territorio di Campagna Lupia.

L'imbarcazione su cui ha perso la vita il 76enne a Valle Averto

Un anziano di 76 anni, G.R., residente a Campagna Lupia, è morto dopo essere caduto in acqua, sembra a causa di un’onda alta che ha fatto ribaltare l’imbarcazione su cui viaggiava assieme ad altre quattro persone, rimaste leggermente ferite e tratte in salvo dai diportisti in transito.
 
Sul posto i vigili del fuoco di Mira con i sommozzatori di Venezia e l’ambulanza del Suem 118. L’incidente si è verificato circa dieci minuti dopo che l’imbarcazione era partita dal pontile di Valle Averto.