Chioggia, una spiaggia completamente attrezzata per i disabili

I "Bagni Vianello" di Sottomarina offriranno spazi a prova di ogni tipo di disabilità, escursioni in mare con barca attrezzata, kayak speciali e tablet per linguaggio dei segni

SOTTOMARINA. Il mare e le spiagge venete senza barriere, accessibili a tutti, anche alle persone con disabilità fisica o psichica, l’obiettivo del progetto veneto delle tre Usl del litorale (Veneto Orientale, Serenissima e Polesana), che quest’anno ha la sua “vetrina” nei “Bagni Vianello” di Sottomarina. 
 
Stamane la presentazione ufficiale, con gli assessori regionali al turismo Federico Caner e alle politiche sociali Manuela Lanzarin, del sindaco di Chioggia Alessandro Ferro, dei direttori generali delle tre Ulss veneziane e delle associazioni dell’handicap e cooperative sociali e del distretto di Chioggia. 
 
L’offerta dello stabilimento prevede pedane e scivoli per l’accesso al mare, carrozzelle in spiaggia, spogliatoi, bar e servizi accessibili a tutti, giostrine per i bambini, la presenza nei giorni feriali di un operatore socio-sanitario, un tablet attrezzato per il linguaggio dei segni, pet-therapy, corsi e pratica di kayak per tutti, escursioni in mare con una barca attrezzata. 
 
Avviato dall’Usl 4 Veneto orientale e finanziato dalla Regione con 170 mila euro, per un totale di 800 mila euro nell’ultimo biennio, il progetto veneto investe in stabilimenti accoglienti e in servizi sportivi e ricreativi per persone di ogni condizione ed età, con una particolare attenzione ai disabili, sia fisici che psichici. 
 
”Le nostre spiagge – ha rilevato Caner – per conformazione e tradizione offrono già oltre cento chilometri di stabilimenti accessibili, villaggi e servizi ricreativi pensati per le famiglie e per le persone disabili. I bagni Vianello sono la vetrina di quello che può offrire il litorale attrezzato più lungo di Italia. Si tratta ora di monitorare l’offerta di accessibilità dell’intera costa veneta, di qualificare le esperienze gi esistenti, collegarle con il tessuto recettivo e dei servizi turistici e promuoverle su scala nazionale e internazionale” . 
 
” Per una regione come il Veneto, che ogni anno registra oltre 69 milioni di presenze e quasi 20 milioni di arrivi – aggiungono Caner e Lanzarin – investire nel turismo accessibile è un dovere sociale e al tempo stesso una scelta strategica. Si stima che in Europa ci siano 37 milioni di cittadini con disabilità: persone con propensione al viaggio e potere di acquisto analogo a quello di altre fasce della popolazione. Un segmento di mercato che può trovare nelle spiagge venete un ambiente accogliente e stimolante” . 
 
2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi