Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Maltempo, ottanta interventi. Vigonovo: stato di calamità

Alberi e rami rimossi da decine di strade, paura per un’imbarcazione a Chioggia Disagi nel Portogruarese: a Concordia un ramo cade in testa a un passante

VIGONOVO . È stata ancora una volta la Riviera del Brenta il principale bersaglio del maltempo che si è scatenato sabato e domenica sera. Il Comune più colpito è stato Vigonovo. «Abbiamo avuto» spiega il sindaco Andrea Danieletto «danni fra pubblico e privati stimabili per quasi 70 mila euro. Sono caduti una quindicina di grossi alberi. Abbiamo dovuto chiudere il Parco pubblico Sarmazza per caduta alberi e i camminamenti a ridosso dell’idrovia».

Un albero ha centrato il cortile di una casa me ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIGONOVO . È stata ancora una volta la Riviera del Brenta il principale bersaglio del maltempo che si è scatenato sabato e domenica sera. Il Comune più colpito è stato Vigonovo. «Abbiamo avuto» spiega il sindaco Andrea Danieletto «danni fra pubblico e privati stimabili per quasi 70 mila euro. Sono caduti una quindicina di grossi alberi. Abbiamo dovuto chiudere il Parco pubblico Sarmazza per caduta alberi e i camminamenti a ridosso dell’idrovia».

Un albero ha centrato il cortile di una casa mentre i pompieri hanno dovuto lavorare fono a tarda notte per mettere in sicurezza un cornicione pericolante che rischiava di cadere nella centrale piazza Cavalieri di Vittorio Veneto. «Sono entrati in azione» continua Danieletto «le squadre della Protezione civile, gli operai del Comune e anche i pompieri. Chiederò alla Regione lo stato di calamità».


Ottanta interventi. Nel veneziano sono stati eseguiti dai vigili del fuoco oltre 80 interventi per liberare le strade da rami e piante oltre a prosciugamenti nei Comuni di Mirano, Santa Maria di Sala, Mira, Dolo, Vigonovo, Stra, Fiesso d’Artico, Camponogara, Campagna Lupia, ma anche Cona, Cavallino, Venezia.

A Dolo due alberi sono caduti nell’area di via Pasteur a ridosso degli impianti sportivi e dell’uscita delle ambulanze dall’ospedale. Altri grossi rami sono venuti giù in via Arino. Un albero è finito a terra ostruendo la strada, in via Albarea a Pianiga.

Solo forte vento e rami caduti a Mira, Campagna Lupia. È stata annullata la Notte bianca di Campolongo. Nel Miranese gli alberi sono caduti a Mirano in via Giudecca e in via Cavin di Sala e Porara. A Spinea una cabina Enel è stata raggiunta da un fulmine, e ci sono stati allagamenti in via Capitanio e Luneo.

CHIOGGIA. A Chioggia infine si è rischiato l’affondamento di una imbarcazione. Una Comet 701 che era attraccata alla darsena Montecarlo in zona San Felice ha rischiato di affondare quando, una volta rotti gli ormeggi, è andata a cozzare contro l’imbarcazione ormeggiata in adiacenza, procurandosi falle allo scafo e imbarcando vistosamente acqua. Grazie al pronto intervento dei soci della Lega Navale, l’imbarcazione è stata recuperata.

PORTOGRUARESE. Tra le 17.30 e le 18 nell'intero portogruarese. Almeno 5 gli interventi dei vigili del fuoco. Fuggi fuggi dalle spiagge. Due alberi sono caduti a Cavanella di Concordia vicino al palasport Valerio: un ramo ha colpito sulla testa un passante, costretto a ricorrere alle cure del medico del Pronto soccorso per qualche punto di sutura. Problemi anche per molti turisti di ritorno dal mare. Cassonetti ribaltati e rami spezzati tra San Michele, Fossalta e Portogruaro. Sbalzi di energia elettrica si sono registrati in tutto il mandamento. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.