Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Truffate con le vendite a domicilio tre a processo

VIGONOVO. Rinviati a giudizio in tre per due truffe ai danni di altrettante casalinghe messe a segno con vendite a domicilio di divani e materassi. Il primo caso a Cartura (Padova) nel giugno 2016,...

VIGONOVO. Rinviati a giudizio in tre per due truffe ai danni di altrettante casalinghe messe a segno con vendite a domicilio di divani e materassi. Il primo caso a Cartura (Padova) nel giugno 2016, il secondo – in questa circostanza la truffa non è andata a buon fine – a Santa Giustina in Colle, nell’ottobre dello stesso anno. Davanti al giudice dovranno comparire Davis Trevisan, 50 anni, di Padova; Andrea Boscaro, 47, di Vigonovo; Michele Schiavon, 51, padovano.

Secondo la ricostruzione del ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIGONOVO. Rinviati a giudizio in tre per due truffe ai danni di altrettante casalinghe messe a segno con vendite a domicilio di divani e materassi. Il primo caso a Cartura (Padova) nel giugno 2016, il secondo – in questa circostanza la truffa non è andata a buon fine – a Santa Giustina in Colle, nell’ottobre dello stesso anno. Davanti al giudice dovranno comparire Davis Trevisan, 50 anni, di Padova; Andrea Boscaro, 47, di Vigonovo; Michele Schiavon, 51, padovano.

Secondo la ricostruzione del pm Valeria Spinosa, Trevisan e Biscaro, spacciandosi per incaricati della ditta “Outlet Casa”, dopo aver venduto a G.A. , 65 anni, articoli per la casa per 3.000 euro, le hanno poi fatto credere di avanzare ancora 13 mila euro e l’hanno minacciata che le sarebbero stati pignorati tutti i beni. G.A. ha pagato con due assegni, a fronte di una fattura intestata alla ditta “Babym” per l’acquisto di un divano letto. Trevisan si è poi presentato a casa di N.P., 35 anni, a Santa Giustina in Colle, dicendosi incaricato della riscossione crediti per la ditta “Soluzioni per abitare” con cui la donna secondo loro aveva un debito di 12.640 euro: lo avrebbe estinto subito pagando 2.000 euro in contanti, dietro fattura a nome della “Babym” per l’acquisto di un materasso. Il processo il 27 novembre. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.