Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Auto contro le sbarre Treni in ritardo sulla Venezia-Bassano

NOALE. Altra mattinata difficile per il trasporto ferroviario sulla Venezia-Castelfranco-Bassano, replicando quanto avvenuto appena venerdì scorso. Se cinque giorni fa era stato un treno a guastarsi,...

NOALE. Altra mattinata difficile per il trasporto ferroviario sulla Venezia-Castelfranco-Bassano, replicando quanto avvenuto appena venerdì scorso.

Se cinque giorni fa era stato un treno a guastarsi, con tanto di scuse da parte del dirigente regionale di Trenitalia Tiziano Baggio, ieri ci ha pensato un veicolo a mandare all’aria appuntamenti, coincidenze e ingressi nei posti di lavoro per migliaia di persone. Attorno alle 7, infatti, u automobilista ha centrato le sbarre del passaggio a live ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

NOALE. Altra mattinata difficile per il trasporto ferroviario sulla Venezia-Castelfranco-Bassano, replicando quanto avvenuto appena venerdì scorso.

Se cinque giorni fa era stato un treno a guastarsi, con tanto di scuse da parte del dirigente regionale di Trenitalia Tiziano Baggio, ieri ci ha pensato un veicolo a mandare all’aria appuntamenti, coincidenze e ingressi nei posti di lavoro per migliaia di persone. Attorno alle 7, infatti, u automobilista ha centrato le sbarre del passaggio a livello di Castello di Godego (Treviso), facendo diventare un calvario la percorrenza da Castelfranco a Bassano.

Sul posto sono intervenuti gli uomini delle ferrovie per riparare il danno. E, di conseguenza, ci hanno rimesso anche i passeggeri dell’intera linea, gran parte a binario unico, che tocca pure le stazioni di Spinea, Maerne, Salzano e Noale.

I disagi sono proseguiti sino alle 9, comprendo la fascia di punta per chi si sposta verso i posti di lavoro. Tre regionali hanno subito dei ritardi sino ai 38 minuti, altrettanti hanno visto ridursi il tragitto. Poi altri convogli sono arrivati a destinazione con sei-otto minuti di ritardo ma il traffico stava già per tornare alla normalità un po’alla volta. I treni numero 5706 delle 6. 26 e di un’ora dopo, sempre da Venezia, sono stati fermati a Castelfranco e non sono proseguiti per Bassano. Viceversa, il regionale 5713 che sarebbe dovuto partire alle 7. 23 dalla città vicentina, è partito da quella trevigiana. Invece chi viaggiava sui convogli numero 5704, 5708 e 5717 sono arrivati alla stazione finale rispettivamente con 38, 24 e 16 minuti di ritardo.

Addio, dunque, alle coincidenze per altri treni, specie a Mestre, e arrivi al lavoro dopo l’orario previsto. Nonostante la chiusura delle scuole per la pausa estiva, sono ancora molti gli utenti che ogni giorno salgono su un treno per raggiungere l’ufficio o l’azienda di riferimento. C’è chi si è dovuto fare accompagnare per andare a destinazione. Quanto avvenuto ieri, segue l’inconveniente di venerdì, quando centinaia di passeggeri hanno dovuto rivedere i programmi per ritardi e cancellazioni tra le 6. 30 e le 9. In totale erano rimasti coinvolti 14 regionali e nel corso della giornata Baggio si era scusato per quanto successo. Ieri si è replicato ma stavolta c’entra l’imprudenza di un automobilista. —

Alessandro Ragazzo. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI .