Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ultimi giorni utili per il bando dei “Buoni spesa”

QUARTO D’ALTINO. Scadrà il 30 giugno il bando per la costituzione di un elenco di esercizi commerciali che intendano partecipare all’iniziativa “Buoni Spesa” destinata ai nuclei famigliari in...

QUARTO D’ALTINO. Scadrà il 30 giugno il bando per la costituzione di un elenco di esercizi commerciali che intendano partecipare all’iniziativa “Buoni Spesa” destinata ai nuclei famigliari in condizioni di disagio economico. C’è ancora qualche giorno per partecipare. “Possono richiedere l’iscrizione all’elenco gli esercizi commerciali di generi alimentari (non bar e ristoranti) che abbiano sede a Quarto d’Altino e che intendono fornire generi alimentari di prima necessità alle famiglie alti ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

QUARTO D’ALTINO. Scadrà il 30 giugno il bando per la costituzione di un elenco di esercizi commerciali che intendano partecipare all’iniziativa “Buoni Spesa” destinata ai nuclei famigliari in condizioni di disagio economico. C’è ancora qualche giorno per partecipare. “Possono richiedere l’iscrizione all’elenco gli esercizi commerciali di generi alimentari (non bar e ristoranti) che abbiano sede a Quarto d’Altino e che intendono fornire generi alimentari di prima necessità alle famiglie altinati in difficoltà socio economiche” si legge nel bando. Bando che spiega le modalità di riscossione presso il Comune e di pagamento, i generi inclusi e quelli esclusi (ad esempio tutti gli alcolici). L’iniziativa mette in atto sistemi alternativi all’erogazione di denaro contante. I buoni mensa, infatti, permetteranno il monitoraggio puntuale dei contributi pubblici e una rendicontazione trasparente. Sono nominativi, non è possibile cederli ad altri o convertirli in denaro e possono essere utilizzati solo per acquistare beni di prima necessità. Potranno, infine, essere usati solo negli esercizi commerciali che hanno aderito all’iniziativa, con una ricaduta positiva anche sulle attività produttive locali. (m.a.)