Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Migrante arrestato per spaccio nel Vicentino

CONA. Un “richiedente asilo” domiciliato nell’ex base militare di Cona è stato arrestato martedì sera a Schio (Vi) dagli agenti della polizia locale per aver spacciato due piccoli ovuli di cocaina...

CONA. Un “richiedente asilo” domiciliato nell’ex base militare di Cona è stato arrestato martedì sera a Schio (Vi) dagli agenti della polizia locale per aver spacciato due piccoli ovuli di cocaina dopo aver cercato di fuggire in bicicletta perché intercettato dai vigili.

A finire in manette Endurance Akhidenor, nigeriano di 29 anni, domiciliato a Cona in possesso di permesso di soggiorno avente lo status di “richiedente asilo” . L’accusa è di “spaccio delle due palline contenenti cocaina” e ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CONA. Un “richiedente asilo” domiciliato nell’ex base militare di Cona è stato arrestato martedì sera a Schio (Vi) dagli agenti della polizia locale per aver spacciato due piccoli ovuli di cocaina dopo aver cercato di fuggire in bicicletta perché intercettato dai vigili.

A finire in manette Endurance Akhidenor, nigeriano di 29 anni, domiciliato a Cona in possesso di permesso di soggiorno avente lo status di “richiedente asilo” . L’accusa è di “spaccio delle due palline contenenti cocaina” e “resistenza a Pubblico Ufficiale”. Ieri mattina al termine del giudizio direttissimo, ha patteggiato la pena di sei mesi di reclusione.

Gli agenti della polizia locale di Schio sono arrivati all’arresto dopo lunghi appostamenti e dopo aver seguito un cliente in sella ad una potente motocicletta che si era incontrato con lo spacciatore. Questi gli aveva venduto due grammi di cocaina per 20 euro. Transazione filmata in diretta. Il nigeriano ora rischia la revoca dello status di “richiedente asilo” e quindi la conseguente perdita del permesso di soggiorno.