Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Nascondeva la cocaina in cucina

TORRE DI MOSTO. Scoperto con la cocaina in casa, i carabinieri arrestano un 47enne artigiano di Torre di Mosto. L’operazione è stata messa a segno dai carabinieri di San Stino. Erano le prime ore del...

TORRE DI MOSTO. Scoperto con la cocaina in casa, i carabinieri arrestano un 47enne artigiano di Torre di Mosto. L’operazione è stata messa a segno dai carabinieri di San Stino. Erano le prime ore del mattino di martedì quando i carabinieri hanno controllato il torresano R.L. Notato lo stato di agitazione del 47enne, i militari hanno deciso di sottoporlo a perquisizione personale. L’intuito dei carabinieri non si sbagliava, visto che l’uomo aveva con sé una dose di cocaina e circa 6 grammi di ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

TORRE DI MOSTO. Scoperto con la cocaina in casa, i carabinieri arrestano un 47enne artigiano di Torre di Mosto. L’operazione è stata messa a segno dai carabinieri di San Stino. Erano le prime ore del mattino di martedì quando i carabinieri hanno controllato il torresano R.L. Notato lo stato di agitazione del 47enne, i militari hanno deciso di sottoporlo a perquisizione personale. L’intuito dei carabinieri non si sbagliava, visto che l’uomo aveva con sé una dose di cocaina e circa 6 grammi di hashish. Ritenendo che l’artigiano potesse nascondere dell’altra droga, i carabinieri hanno esteso la perquisizione all’abitazione, richiedendo l’aiuto di un’unità cinofila dei carabinieri di Torreglia.

Il cane antidroga, con il proprio conduttore, ha scovato, nascosta in un vano della cucina, una consistente quantità di cocaina, non ancora suddivisa in dosi e dal peso di circa 68 grammi. Altri 5 grammi sono stati rinvenuti nel filtro della cappa, mentre poco meno di 30 grammi di marijuana erano stati occultati all’interno di un vaso di vetro dentro un mobile del soggiorno. Ritrovato pure un bilancino e altro materiale per il confenzionamento delle dosi. (g.mon.)