Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Chiesti mega arretrati per gli allacciamenti fognari

QUARTO D’ALTINO. Tariffa fognaria, chiesti gli arretrati agli inquilini di un condominio altinate. La società di servizio idrico integrato nata nel 2015 dall’incorporazione fra Sile Piave spa e Sisp...

QUARTO D’ALTINO. Tariffa fognaria, chiesti gli arretrati agli inquilini di un condominio altinate. La società di servizio idrico integrato nata nel 2015 dall’incorporazione fra Sile Piave spa e Sisp srl, ha richiesto agli inquilini di un condominio di via Marconi 58 a Quarto d’Altino il pagamento arretrato della tariffa di fognatura e di depurazione a partire dal 2002. A ogni famiglia è arrivata l’intimazione al pagamento di cifre che vanno dai mille e ai 2. 500 euro, visto che “il fabbrica ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

QUARTO D’ALTINO. Tariffa fognaria, chiesti gli arretrati agli inquilini di un condominio altinate. La società di servizio idrico integrato nata nel 2015 dall’incorporazione fra Sile Piave spa e Sisp srl, ha richiesto agli inquilini di un condominio di via Marconi 58 a Quarto d’Altino il pagamento arretrato della tariffa di fognatura e di depurazione a partire dal 2002. A ogni famiglia è arrivata l’intimazione al pagamento di cifre che vanno dai mille e ai 2. 500 euro, visto che “il fabbricato è allacciato alla condotta di fognatura pubblica e fino dalla sua costruzione convoglia direttamente le acque reflue urbane all’impianto di depurazione di Quarto d’Altino”, come comunicato dalla società. Alcuni inquilini si sono dunque rivolti all’ufficio legale dell’Adico che già lo scorso anno aveva seguito un caso identico capitato però a Marcon.

«Piave srl», dice Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, «continua a richiedere importi arretrati per gli allacciamenti alla rete fognaria. Un comportamento che sta spiazzando le famiglie anche perché le cifre richieste sono notevoli. Attenzione però. Come abbiamo già evidenziato nel caso di Marcon, gran parte delle somme richieste sono prescritte ed esattamente quelle che vanno dal 2002 al 2013. Quindi la società può richiedere al massimo gli importi degli ultimi cinque anni e, naturalmente, dovrà concedere un’ampia rateizzazione ai richiedenti, dato che non hanno alcuna responsabilità in questa vicenda». La prima lettera nella quale l’azienda comunicava questa sgradita novità è arrivata agli inquilini di via Marconi a gennaio. Qualche giorno fa sono giunte nuove comunicazioni con i conteggi che hanno fatto strabuzzare gli occhi ai condomini.

Marta Artico