Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Domani in via Valmarana torneo di calcio antirazzista

MIRA. Domani alle 14, nell’area di fronte al campo da calcio comunale in via Valmarana, torna il Torneo antirazzista della Riviera. «Nell’anno appena passato», spiega Marta Busetto referente del...

MIRA. Domani alle 14, nell’area di fronte al campo da calcio comunale in via Valmarana, torna il Torneo antirazzista della Riviera. «Nell’anno appena passato», spiega Marta Busetto referente del centro sociale giovanile Dedalo, «abbiamo riaperto la scuola di italiano al Dedalo, siamo stati al fianco dei migranti in marcia da Cona che hanno attraversato i nostri territori, abbiamo organizzato una cena multietnica da 150 persone nella parrocchia di Mira Porte, siamo stati a Chioggia alla marci ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MIRA. Domani alle 14, nell’area di fronte al campo da calcio comunale in via Valmarana, torna il Torneo antirazzista della Riviera. «Nell’anno appena passato», spiega Marta Busetto referente del centro sociale giovanile Dedalo, «abbiamo riaperto la scuola di italiano al Dedalo, siamo stati al fianco dei migranti in marcia da Cona che hanno attraversato i nostri territori, abbiamo organizzato una cena multietnica da 150 persone nella parrocchia di Mira Porte, siamo stati a Chioggia alla marcia Side by Side sempre insieme a i ragazzi che partecipano alla scuola».

Da qui un invito al torneo che vedrà competere giovani di Mira e della Riviera con i richiedenti asilo. «Sarà bello giocare insieme», conclude, «e passare un pomeriggio in compagnia con sport musica e un bel parco dove stare. Giocare a calcio ha il pregio che non servono parole per capirsi e divertirsi tutti e che fare fatica e ridere insieme è il modo migliore e più diretto per sentire che le barriere di cui si parla le creiamo solo nelle nostre teste». (a.ab.)