In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Ottimizzate le analisi dell’acqua

Gli otto gestori idrici del Veneto riuniti in un unico consorzio

1 minuto di lettura

PORTOGRUARO. Otto gestori idrici del Veneto riuniti nel consorzio Viveracqua, tra cui Livenza Tagliamento Acque SpA, effettueranno insieme i controlli sulla qualità delle acque potabili e reflue. Questa innovativa forma di cooperazione tra gestori sarà possibile dal “Contratto di rete” per l’erogazione dei servizi di analisi siglato appunto da Acquevenete (Monselice), Bim GSP (Belluno), Livenza Tagliamento Acque (Portogruaro), Medio Chiampo (Montebello Vicentino), Piave Servizi (Codogné), Veritas (Venezia) e Viacqua (Vicenza) e, con previsione entro il prossimo mese di maggio, anche da Acque Veronesi (Verona).

Il Contratto di rete prevede che i gestori aderenti utilizzino, per i servizi di analisi delle acque potabili e reflue, i laboratori di rete, che attualmente sono 5, dislocati in varie province venete. Lavorando insieme, i gestori intendono perseguire inoltre ottimizzazioni di scala, con maggiori opportunità di reperire risorse finanziarie e maggior potere contrattuale nel mercato degli approvvigionamenti, ed effettuare investimenti comuni.

«Abbiamo aderito al progetto perché da sempre crediamo nella sinergia e cooperazione tra i vari gestori», dice il presidente di Lta, Andrea Vignaduzzo, «vogliamo garantire un miglioramento continuo dei servizi resi all’utenza, senza mai perdere di vista il legame con il nostro territorio. L’obiettivo immediato è lo scambio di know-how, con la volontà di pervenire a standard di servizio e sicurezza omogenei per tutti gli abitanti del Veneto». Rosario Padovano

I commenti dei lettori