Il quartiere ripensato dagli studenti dello Iuav

Architetti in visita nell’area degradata del centro di Mestre per disegnare la riqualificazione

Ieri pomeriggio una decina di studenti selezionati tra alcune tra le più prestigiose scuole al mondo di architettura, ha fatto un sopralluogo in via Piave a Mestre con alcuni docenti dell’Università di Architettura Iuav. L’obiettivo è quello di mostrare agli urbanisti quei luoghi tra Mestre e Marghera che necessitano di una riqualificazione, nel caso di ieri la stazione e il sottopasso, via Ca’ Marcello, via Piave e via Torino. Gli studenti produrranno entro il 14 maggio un video che verrà esposto all’interno del Padiglione Venezia della Biennale di Venezia che quest’anno avrà come tema i progetti sulla città. «Si è deciso all’interno del Comitato per il centenario della fondazione di Porto Marghera di dedicare una parte ai progetti, escluse le zone delle bonifiche» spiega la docente Maria Chiara Tosi «Sono zone al margine, ma importanti. L’occhio di chi vede da fuori è spesso il migliore perché depurato da stereotipi e come architetti noi siamo abituati con i concorsi internazionali».

Il progetto «Marghera City of Making» verrà seguito dalle università Etsab di Barcellona, Aho di Oslo, Ku di Leuven, Eth di Zurigo, Tu di Delft, Ulb di Brussels, Parson di New York, Pontifical Catholic University del Cile e dall’Usp di San Paolo in Brasile. Gli studenti, iscritti a specifici master o alla magistrale, avranno a disposizione carte dell’Archivio Storico, ma anche carte tecniche sul suolo.


A fine lavoro le zone che verranno esplorate saranno due: il percorso che si sono dal Pala Expo, Parco Vega, Banchina Molini, via Pila, via dell’Elettricità, Fratelli Bandiera e quello che unisce il sottopasso alla stazione e Via Piave. Ieri mattina per introdurre il lavoro il docente Guido Zucconi ha raccontato la storia di Porto Marghera, Brigida Pagani e Paola Ravenna del Comune hanno illustrato la parte relativa allo sviluppo, seguiti da Gilda Zazzera di Ca’ Foscari, tutti soggetti che saranno presenti al Padiglione Venezia. Tra i lavori in corso del Comune ci sono quelli frutto dei 152 milioni di euro provenienti dal Ministero dello Sviluppo Economico, dedicati alla riqualificazione stradale e all’ampliamento della fibra ottica.

Vera Mantengoli

Video del giorno

Covid, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro torna negativo e riabbraccia e coccola la figlia

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi