In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Filetti, costate e fiorentine. Bottino gourmet dei ladri a Marcon

Svuotata nella notte la cella frigorifera del ristorante "Piaceri carnali". Rubati anche un mixer e un computer. I gestori: «Servono le telecamere»

di Francesco Furlan
1 minuto di lettura

MARCON. Fiorentine, costate e filetti e controfiletti. Carne per almeno 20 chili e un valore di 1.500 euro è stata rubata la scorsa notte dalle celle frigorifere del locale Piaceri Carnali, che si trova nella zona Est di Marcon. I ladri se ne sono andati con i pezzi di carne più pregiati (per dire: hanno rinunciato alle costine) oltre a un bel po’ di attrezzatura tecnologica. L’unico dato certo è che i ladri sono entrati in azione dopo l’1.30.

«Abbiamo chiuso il locale», racconta Ilario Zecchin, gestore del locale insieme a Graziano Cancian, titolare del ristorante di via Porta Est 12, «e poi siamo andati a bere qualcosa in un locale qui vicino. Poi siamo passanti di nuovo di fronte al locale e non c’era alcun problema». Il furto quindi è avvenuto nelle ore successive, in una zona dove di notte non passa praticamente nessuno, e dove i ladri hanno avuto gioco facile ad entrare in azione. Per accedere al locale hanno sfondato il vetro di una porta, dove aver tentato l’effrazione in altre due parti almeno.

Dopodiché, con tutta calma - il locale non era allarmato, ma i titolari ora sono già corsi ai ripari - i ladri hanno fatto incetta. Se ne sono andati con un televisore da 60 pollici, una stampante, un mixer da dieci ingressi, un computer e un tablet. Hanno messo le mani anche sul fondo cassa, circa 150 euro, e poi si sono concentrati sulla cella frigorifera, dalla quale hanno scelto i pezzi di carne più pregiata. La sorpresa ieri mattina, quando Cancian ha raggiunto il locale per sistemare il locale dopo sabato sera. «Forse sono ex clienti, e sanno che la carne è buona», prova a sdrammatizzare Ilario Zecchin mentre, di domenica pomeriggio, è al lavoro per cercare di sistemare il locale che oggi sarà regolarmente aperto. In totale, tra bottino e danni, la somma del disagio è di 7 mila euro: 4 mila di bottino e 3 mila di danni.

«Siamo già al lavoro per installare l’allarme», spiega ancora il gestore del locale, «anche perché è la seconda volta che riceviamo visite». La prima poco più di un anno fa, quando i ladri se ne andarono però con il solo fondo cassa. Ma i ladri, negli ultimi mesi, da questi parti sono arrivati più volte. Nel mirino, poche settimane fa, l’agenzia di viaggi Info vacanze (al civico 20 di via Porta Est) mentre nei mesi scorsi erano stato visitato i vicini studi e ambulatori dei medici di base. Per questo i titolari delle attività commerciali della zona, che fanno riferimento al Consorzio Porta Est, tornano a chiedere l’installazione di telecamere di sorveglianza che possano scoraggiare i ladri a compiere altri saccheggi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I commenti dei lettori