Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«I bambini non vaccinati finiscano l’anno»

Obbligo di adeguarsi entro il 10 marzo. La mozione del M5S modificata dalla maggioranza

MIRANO . Bambini non vaccinati. C’è l’obbligo di adeguarsi entro il 10 marzo. Pena l’allontanamento dei bimbi dagli asili nido e scuole d’infanzia. Per i più grandicelli, pena anche una sanzione per i genitori da 100 a 500 euro. Ma per questi, in Veneto, il termine slitta al 30 aprile. Il Movimento Cinque Stelle di Mirano ha proposto una mozione per “salvare” i bimbi non vaccinati e consentire loro che possano finire l’anno scolastico in corso.

La mozione, presentata in Consiglio e firmata da ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MIRANO . Bambini non vaccinati. C’è l’obbligo di adeguarsi entro il 10 marzo. Pena l’allontanamento dei bimbi dagli asili nido e scuole d’infanzia. Per i più grandicelli, pena anche una sanzione per i genitori da 100 a 500 euro. Ma per questi, in Veneto, il termine slitta al 30 aprile. Il Movimento Cinque Stelle di Mirano ha proposto una mozione per “salvare” i bimbi non vaccinati e consentire loro che possano finire l’anno scolastico in corso.

La mozione, presentata in Consiglio e firmata da Antonio Milan e Marco Lazzarini, prevede la “possibilità per i minori non vaccinati, ma regolarmente iscritti e accettati di giungere a conclusione dell’anno scolastico 2017/2018» . «Mozioni simili», spiega Milan, «sono già state presentate anche in comuni limitrofi a firma dei consiglieri del Movimento. A Mirano abbiamo deciso di dare anche ai consiglieri comunali di altre liste, la possibilità di sottoscrivere la mozione e presentarla. Riteniamo sia un argomento politicamente trasversale e non si devono punire i bambini per le scelte fatte dai loro genitori. Ha poco senso escluderli dal percorso scolastico a soli tre mesi dal termine. Avendo vissuto tra i compagni vaccinati per sei mesi, poco cambierebbe. Almeno possano rimanere fino a fine anno. Abbiamo chiesto di valutare la nostra mozione lasciando da parte pregiudizi e posizioni pro o contro le vaccinazioni obbligatorie».

Ma, come è andata a finire? «Che nessuno dei consiglieri di maggioranza», scrive Milan nel sito ufficiale del Movimento, «ci ha risposto (uno ci ha avvisato che la stava valutando), gli altri consiglieri di minoranza ci hanno chiesto informazioni, ci hanno pensato e poi hanno sottoscritto la nostra mozione. I consiglieri di maggioranza ci hanno presentato all’ultimo minuto una mozione diversa dalla nostra per premesse, contenuti e richieste. Ci siamo sentiti presi in giro e crediamo allo stesso modo si siano sentiti i genitori, che avevano protocollato al Comune una petizione a sostegno della nostra mozione».

La mozione, presentata dalla maggioranza, però prevede comunque la richiesta di far giungere i bambini non vaccinati fino a fine anno scolastico, ma aggiunge l’impegno dell’amministrazione «a intervenire all’ambulatorio vaccinale pediatrico per monitorare l’andamento delle vaccinazioni nel territorio e potenziare l’informazione e la sensibilizzazione dei cittadini sulle vaccinazioni».

Serenella Bettin