In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Brugnaro a Tokyo per la mucca chianina

Il sindaco è partito all’indomani del consiglio comunale sui Pili: prima in Australia e poi in Oriente. Video sui social

di Gianni Favarato
2 minuti di lettura

VENEZIA. Tutti hanno notato la sua assenza durante la visita a Venezia di pochi giorni fa del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella per l’inaugurazione dell’anno accademico di Ca’ Foscari.

E del Burian che ha spirato per giorni dalla Siberia, del gelo e della neve che hanno paralizzato i trasporti locali e abbattuto perfino un palo sul ponte della Libertà, il sindaco-imprenditore Luigi Brugnaro, impegnato in un lungo e misterioso viaggio all’estero – insieme alla moglie Stefania Moretti laureata in giapponese – ha solo sentito parlare per telefono o ha letto qualcosa sui social, guardandosi bene però da inviare, come gli piace fare di solito, un tweet dal “Sol Levante. Del resto, del suo ennesimo viaggio oltre oceano il sindaco di Venezia “in pectore” ha dato ben poche informazioni ufficiali; perfino i sui portavoce ammettono di non saper dire dove sia finito. L’ultima volta che si è visto il sindaco in pubblico è stato il consiglio comunale straordinario del 5 febbraio scorso, concluso con il via libera votato dalla sua maggioranza fucsia e dai consiglieri del M5S quando ormai il sindaco se n’era andato, lasciando sul suo scranno la coppa vinta dalla Reyer.



Dopo di che è partito con la moglie senza spiegare, nemmeno ai cittadini veneziani che lo hanno eletto, dove andava e a fare che cosa, un atto più che dovuto, secondo molti, da parte del sindaco di una città. Così in città hanno cominciato a girare diverse versioni sulle sue mete del suo viaggio, si è parlato di un ennesimo viaggio Brasile _ dove ha messo in piedi una ragnatela di sedi di Umana spa, da lui fondata e ora in “Blind trust” e dove ha anche un grande allevamento di “gado” (vacche da macello), molto più grande dell’allevamento che possiede in Toscana.



Ma non ci son tracce della sua presenza in Brasile, ce ne sono invece sulle tappe fatte in Australia e in Giappone. Dall’Australia ha ritwittato una sua foto a fianco della sindaca della città di Perth, Lisa Scaffidi. In Giappone – dove si trova tutt’ora e dove voterà domenica – è documentata la sua partecipazione a un incontro organizzato all’ambasciata d’Italia a Tokyo, il 27 febbraio scorso, per promuovere, guarda caso, le qualità della carne della mucca chianina. In un video e in alcune foto postate da Toshi Shino _ presente all’evento _ il sindaco-imprenditore di Venezia tiene un discorso davanti all’ambasciatore Giorgio Starace e a un nutrito numero di giapponesi _ tra i quali spiccava il signor Sato di Sayu, importatore della carne chianina in Giappone, dove si mangia volentieri carne bovina, soprattutto il filetto di vacche “massaggiate” di Kobe. L’evento è pubblicizzato sullo stesso sito dell’ambasciata italiana che spiega: ”Chianina Igp Experience: evento promozionale in onore della carne bovina di qualità, per promuovere il primo manzo italiano kia Nina». Nel video Brugnaro dice poche ma significative parole: «Le nostre relazioni sempre più fruttuose e intense. Vi aspettiamo tutti a Venezia per continuare questo momento di festa e allegria. Prima di tutto c’è l’amicizia e la conoscenza tra le persone, poi arrivano gli affari».

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I commenti dei lettori