Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ferrari: «Troppe promesse valutiamo bene i candidati»

CAMPONOGARA. «I candidati alle elezioni politiche in Riviera? Spesso catapultati dalle segreterie e senza alcuna connessione con il territorio». A dirlo è Franco Ferrari consigliere regionale e...

CAMPONOGARA. «I candidati alle elezioni politiche in Riviera? Spesso catapultati dalle segreterie e senza alcuna connessione con il territorio». A dirlo è Franco Ferrari consigliere regionale e ideatore della lista “Civica per il Veneto” che ha la sua sede a Camponogara: «Quello che si era prospettato si sta avverando. Questa legge elettorale non dà rappresentanza alle istanze civiche. Sono state candidate una serie di persone in molte liste, paracadutate dalle segreterie dei partiti. Gente ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAMPONOGARA. «I candidati alle elezioni politiche in Riviera? Spesso catapultati dalle segreterie e senza alcuna connessione con il territorio». A dirlo è Franco Ferrari consigliere regionale e ideatore della lista “Civica per il Veneto” che ha la sua sede a Camponogara: «Quello che si era prospettato si sta avverando. Questa legge elettorale non dà rappresentanza alle istanze civiche. Sono state candidate una serie di persone in molte liste, paracadutate dalle segreterie dei partiti. Gente dirottata in collegi considerati sicuri, che non sa nemmeno dove si trova».

«In questi anni gli elettori in Riviera», continua, «si sono stancati del solito teatrino messo in piedi dai partiti a ridosso delle scadenze elettorali. Anche in questa occasione, si sono già sentite promesse mirabolanti difficili da mantenere. Stavolta però dai candidati al Parlamento in Riviera, e soprattutto da quelli che verranno eletti, ci si aspetta che, alle promesse seguano finalmente i fatti. Le promesse vanno mantenute, e agli elettori va fornito di anno in anno un puntuale rendiconto».

Per Ferrari che di professione è imprenditore, questo è possibile: «Lo so che è difficile ma è vero che con l’impegno e la caparbietà, è possibile ottenere risultati e dare risposte alle istanze dei cittadini e alle realtà locali nei settori dell’economia della tutela del territorio e dei servizi sanitari, senza aumentare il livello di tassazione già insostenibile. Non sono un anti-politico, ma per il mestiere che faccio e cioè l’imprenditore, sono abituato a valutare i risultati e non le chiacchiere, considerato poi che siamo pagati per risolvere i problemi dei cittadini. Infine invito i cittadini a non restare a casa ma a recarsi alle urne per votare, e dare un voto, non solo di protesta». (a. ab.)