Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sinistra e cittadini a difesa del territorio

DOLO. Il circolo “Libertà e Giustizia” si presenta a Dolo nella sala polivalente dell’Associazione Artigiani e non manca di raccogliere consensi con le sue proposte in tema di tutela ambientale e...

DOLO. Il circolo “Libertà e Giustizia” si presenta a Dolo nella sala polivalente dell’Associazione Artigiani e non manca di raccogliere consensi con le sue proposte in tema di tutela ambientale e difesa del territorio lagunare, fra candidati al Parlamento e amministratori . Fra i relatori del circolo il presidente Luciano Zarotti, l’ex sindaco di Camponogara Walter Mescalchin e Lavinia Vivian consigliera comunale a Mira, il segretario degli Artigiani, Giorgio Chinellato. Ha moderato l’incon ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

DOLO. Il circolo “Libertà e Giustizia” si presenta a Dolo nella sala polivalente dell’Associazione Artigiani e non manca di raccogliere consensi con le sue proposte in tema di tutela ambientale e difesa del territorio lagunare, fra candidati al Parlamento e amministratori . Fra i relatori del circolo il presidente Luciano Zarotti, l’ex sindaco di Camponogara Walter Mescalchin e Lavinia Vivian consigliera comunale a Mira, il segretario degli Artigiani, Giorgio Chinellato. Ha moderato l’incontro il giornalista Alessandro Abbadir.

Sono intervenuti il candidato al Parlamento per il centrosinistra Mario Dalla Tor, per “Potere al popolo” Laura di Lucia Coletti, Marta Battistella per “Liberi e Uguali”, i sindaci di Dolo Alberto Polo, di Camponogara Giampietro Menin e il professor Lorenzo Bonometto. «Il nostro territorio», hanno detto i relatori, «è stato compromesso anche in maniera irreversibile. Intendiamo proporre alcuni rimedi per frenare la dissennata corsa alla distruzione di un bene immenso rappresentato dalle opere d’arte e dal paesaggio dove viviamo. Lo consideriamo un impegno di cittadinanza attiva».