«Giù le mani dai luoghi pubblici»

La rabbia delle associazioni cittadine contro l’impoverimento del tessuto cittadino