Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Campagna Lupia: ogni abitante spende nelle slot 1.400 euro l’anno

Un caso tutto da analizzare quella del minuscolo paese della Riviera del Brenta. I residenti sono solo 7 mila ma il fatturato delle macchinette mangiasoldi è di 9 milioni

CAMPAGNA LUPIA. Campagna Lupia al top della spesa pro capite di tutta la Riviera del Brenta in slot e giochi d’azzardo con 1.365 euro spesi a testa per abitante in un anno. A denunciare questi dati è Francesco D’Elia, attivista del Movimento 5 Stelle che in paese organizza per domani alle 21 al centro civico in via Repubblica un convegno sulla ludopatia. Nell’occasione ci sarà anche il senatore Giovanni Endrizzi, che è anche specialista su questo tema a livello nazionale.



«I dati che a ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAMPAGNA LUPIA. Campagna Lupia al top della spesa pro capite di tutta la Riviera del Brenta in slot e giochi d’azzardo con 1.365 euro spesi a testa per abitante in un anno. A denunciare questi dati è Francesco D’Elia, attivista del Movimento 5 Stelle che in paese organizza per domani alle 21 al centro civico in via Repubblica un convegno sulla ludopatia. Nell’occasione ci sarà anche il senatore Giovanni Endrizzi, che è anche specialista su questo tema a livello nazionale.



«I dati che arrivano per i tre COmuni dell’area sud della Riviera», spiega D’Elia, «sono preoccupanti. Quello più drammatico è quello riferito per il 2016 proprio al Comune di Campagna Lupia, dove con 79 apparecchi attivi e 9 milioni di euro di fatturato si registra la percentuale più alta di soldi giocati per abitante (ce ne sono circa 7 mila di residenti) e cioè 1.365 euro a testa in un anno». Il dato che emerge dal Comune di Campagna Lupia sarà analizzato domani in un convegno a cui sono stati invitati cittadini e amministratori locali. Nei giorni scorsi questo tema era stato affrontato anche dal M5S a Pianiga. «Il M5S di Pianiga, notando il proliferare impressionante di punti dedicati al gioco», spiegano gli attivisti grillini, «fin dal 2013 tenta di sensibilizzare l’amministrazione comunale sui drammi collegati a questa realtà e spinge perché il Comune faccia quello che è in suo potere per arginare il fenomeno. La pubblicazione dei dati, però, ha riservato un’amara sorpresa: il territorio di Pianiga, messo a confronto con i Comuni vicini, è tra quelli dove le persone buttano più soldi dentro le cosiddette “macchinette”: più di 14 milioni di euro giocati, cioè 1.142 euro per abitante, senza tener conto delle giocate online».