In centinaia alla fiaccolata per ricordare Chiara e i suoi 14 anni

Gli amici e i compagni di scuola hanno anche organizzato una raccolta di fondi per i funerali della ragazza travolta in bici sulla Romea

Ciao Chiara: la fiaccolata per la ragazza morta in bici sulla Romea

CHIOGGIA. Si sono trovati lunedì sera, alle 20.30, con una luce per ciascuno. Dalla notizia della morte di Chiara Pavanello, la ragazzina di 14 anni travolta in bici, gli amici sono sconvolti, i compagni di scuola e di classe anche. Gli amici, quelli più stretti, quelli con cui Chiara condivideva i sabati, le domeniche, i pomeriggi e le serate, come si fa a 14 anni, quando la vita fuori è appena cominciata, sono sotto choc.

Nessuno ancora ci crede. Sperano solo che tutto questo sia un incubo. Da ieri gli amici hanno fatto un gruppo su Whatsapp che la sera contava già oltre 200 persone, un gruppo per raccogliere fondi per il funerale. I compagni di scuola, dell’istituto industriale statale Cestari Righi di Borgo San Giovanni, dove Chiara frequentava la prima superiore dell’indirizzo enogastronomico–alberghiero, invece oggi metteranno dei fiori sopra quel banco deserto e forse andranno in aula magna con i loro professori, a condividere il momento di dolore.

«Sarà straziante», dice una compagna di classe, «non vederla più su quel banco, la classe senza di lei sarà vuota. Mi mancherà vederla sorridere, mi mancherà soprattutto non poterla più abbracciare e mi mancheranno i suoi baci sulla guancia. Era sempre sorridente. Con la sua risata contagiava tutti».

Tanti i messaggi degli amici, soprattutto su Facebook. «Scatta la mezzanotte», scrive un’amica, «non ci sei, non sei con noi. Ma invece ci sei. Sei in mezzo a noi che ci guardi e ci sorridi. Rimarrai sempre parte del mio cuore, buon viaggio piccolo angelo custode, non è un addio ma un arrivederci». «Che dramma», scrive una madre degli amici di Chiara, «ho i brividi, senza parole. Ciao piccolo angelo».



Oltre alla raccolta fondi, gli amici per questa sera hanno organizzato anche una fiaccolata alle 20.30 che partirà dal lungomare davanti al centro Astoria, accanto al Bingo, in Lungomare Adriatico 32, per ringraziare e salutare Chiara. «Per dirle semplicemente grazie di essere passata di qua. Grazie per i tuoi sorrisi, per i tuoi baci, per la tua vita passata con noi. Per ringraziarla con un po’ di calore, perché quando una persona speciale se ne va, è meglio sorridere che accompagnarla con le lacrime».

Video del giorno

"Un boato e siamo usciti di casa": il racconto dalle zone del terremoto in provincia di Treviso

Burger di lenticchie rosse

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi