In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

«L’Unione penalizza Mirano»

Trasferiti 750.340 euro. La sindaca: «Servizi uguali agli altri»

1 minuto di lettura
MIRANO. «L’Unione? Gestione infruttuosa: Mirano penalizzata». Così Giorgio Babato di Insieme per il bene comune. Una realtà, quella dell’Unione, partita tre anni fa e che il consigliere giudica inefficiente. «L’avvio frettoloso dell’Unione ha comportato grosse difficoltà organizzative», spiega Babato, «la gestione associata delle funzioni di polizia locale e di protezione civile avrebbe dovuto migliorare la qualità dei servizi erogati, contenerne le spese e rafforzare le modalità di concertazione territoriale e la ricerca di finanziamenti. Ma i vigili trasferiti da Mirano sono di più rispetto agli altri comuni».

Secondo la convenzione i fondi a disposizione dell’Unione vengono trasferiti da ciascun comune in modo proporzionale rispetto ai servizi ricevuti. «Quando ho chiesto il computo delle attività svolte», tuona Babato, «mi è stato risposto che l’Unione non è in grado di fornire i dati richiesti. Questo vuol dire non solo che i miranesi debbano contribuire a finanziare l’Unione in proporzione al servizio, ma anche che Mirano ha trasferito e trasferisce più del triplo degli altri senza sapere nemmeno cosa riceve in cambio». Dal bilancio dell’Unione risulta che i soldi totali trasferiti dal Comune di Mirano siano 750.340,48 euro. Le spese correnti trasferite per abitante: 28,44 euro e le somme anticipate per conto dell’Unione dai singoli comuni e chieste a rimborso: 100.844,35 euro, a fronte dei 31.607 di Spinea o degli appena 3.773 di Santa Maria di Sala.

«Quei 750 mila euro», conclude Babato, «sono il 26% del totale dei trasferimenti dei sei comuni e noi riceviamo in cambio un sesto delle prestazioni». «Mirano trasferisce all’Unione per la polizia locale la stessa cifra che spendeva prima», replica la sindaco Maria Rosa Pavanello, «e così fanno gli altri Comuni. Oggi tutti spendono la stessa cifra di tre anni fa. Non si può dire che Mirano abbia servizi in meno». (s.bet.)

I commenti dei lettori