La Lega protesta. Zoggia: «Vada da Zaia»

Le 14 persone arrivate da Cona già alloggiate alla Cri. Il sindaco: «Situazione delicata»

JESOLO. Profughi a Jesolo, oggi la riunione dei capigruppo porterà l’argomento all’ordine del giorno per volontà del sindaco, Valerio Zoggia, che contatterà anche la prefettura. I 14 migranti arrivati da Conetta a Jesolo sono nella sede di via Levantina gestita dalla Croce Rossa che già ne ospitava circa 120. Sono quasi tutti del centro Africa.

Le opposizione incalzano e chiedono spiegazioni al sindaco Zoggia il quale aveva promesso di impegnarsi per dimezzare il numero dei migranti al lido di Jesolo in base al numero degli abitanti.

«Siamo di fronte a emergenza gravi», commenta il sindaco, «io non posso fare altro che discuterne all’interno degli organismi dell’amministrazione comunale o contattare la prefettura, ma sempre con il buon senso e la consapevolezza che siamo di fronte a situazioni delicate. E a Jesolo abbiamo un centro importante della Cri e ben gestito che di certo non può sottrarsi. Se le opposizioni vogliono protestare lo facciano. La Lega a Jesolo ha i suoi referenti e può contattare direttamente il presidente della Regione, Luca Zaia. Altrimenti sono proteste fumose e strumentali come quelle di chi in passato lo ha già fatto con esiti sicuramente negativi per la città e per sè stesso».

Intanto, Salvatore Esposito di Sinistra Italiana ha già annunciato denunce ed esposti nei confronti di chi ha mosso accuse sui social e profili Facebook in merito a reati che sarebbero stati compiuti dai profughi a Jesolo. Gli sfoghi sono stati tutti segnalati con nome e cognome di chi li ha scritti con queste accuse molto dettagliate e saranno oggetto delle denunce già predisposte come avvenuti in altri casi simili. E mentre in città si parla già di raccolte di firme contro i profughi, il comitato per i diritti civili con Francesco Esposito ha voluto dare il benvenuto ai richiedenti asilo arrivati da Conetta: «Con questa marcia hanno ribadito il sacrosanto diritto di ogni essere umano a ricevere segni tangibili di Umanità e di rispetto per tutti coloro che cercano una vita degna di essere vissuta».

Giovanni Cagnassi

Video del giorno

Quanti milioni ha perso Lush, l'azienda felice senza social

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi