In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Cereser si smarca dal Pd e punta sui voti moderati

San Donà. I bersaniani pronti a formare una lista alternativa con la Sinistra Diviso anche il centrodestra con Apindustria che insiste su Adriano Peretti

di Giovanni Cagnassi
1 minuto di lettura
SAN DONÀ. Il sindaco Andrea Cereser sempre più smarcato dai partiti. Sabato presenta World Cafè all’hotel Forte 48 dalle 9 alle 12. Il vecchio convegno o presentazione di liste va in soffitta e nasce l’incontro con i cittadini per fare il punto sull’amministrazione della città, sganciato da simboli di partito. Cereser resta dunque un iscritto del Pd, ma per proseguire nell’alleanza con i moderati, vedi il vice sindaco Luigi Trevisiol e IDeA, cambia passo.

«Nell’ottica delle elezioni amministrative del 2018», spiega, «e come avevo già preannunciato nel lancio della nuova candidatura, diamo avvio a un percorso di dialogo e scambio con la cittadinanza, per la costruzione di un programma comune per San Donà. Sarà un world café: momento di dialogo e scambio informale e amichevole, in cui i cittadini, attraverso uno confronto di gruppo, potranno esprimere le loro proposte, sollecitazioni, critiche e idee per il futuro di San Donà».

Cereser si prepara a candidarsi come sindaco del Pd, ma ben sostenuto dalle liste civiche, tra cui Città Insieme e un altro paio di civiche in fase di costruzione con esponenti moderati. Intanto Mdp Articolo 1, i bersaniani, si sono definitivamente smarcati e si avviano verso una loro lista e alleanza, assieme alla sinistra civica, che fa riferimento anche SI, in cui saranno ben evidenti i simboli di partito e l’identità politica.

Massimo Borin, per Apindustria, avrà invece il compito di coordinare il gruppo di lavoro del comitato elettorale che affiancherà il candidato dell’associazione, Adriano Peretti. Già membro del Direttivo esecutivo provinciale, ha una consolidata esperienza nell’ambito associativo e gode della fiducia del direttivo. «L’azione capillare di Apindustria Venezia è iniziata tre anni fa», spiega Borin, «con l’apertura di mandamenti e delegazioni sparse in tutto il territorio. In particolare, a San Donà, l’associazione ha riscontrato il bisogno di nuove idee e nuovi progetti per stare al passo con l’economia attuale. Apindustria Venezia presenterà una serie di richieste da inserire nel programma elettorale di Adriano Peretti per creare una seria rappresentanza nei banchi della politica attiva, con la presenza, nelle liste elettorali, di candidati che siano in grado di dare delle risposte concrete alle difficoltà degli imprenditori e di tutti coloro che quotidianamente aprono la bottega e pagano le tasse».

Il comitato elettorale di Adriano Peretti, è inoltre costituito da Tecla Canever, Mauro De Vecchi, Margherita Pesa e Luca Saccomani.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori