Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Cinquanta lettori di poesie per 100 anni di Marghera

MARGHERA. Domani sarà un sabato decisamente “particolare” per tutti coloro che si troveranno a passare per piazza Mercato e altre strade di Marghera. Avranno la possibilità di incontrare chi, invece...

MARGHERA. Domani sarà un sabato decisamente “particolare” per tutti coloro che si troveranno a passare per piazza Mercato e altre strade di Marghera. Avranno la possibilità di incontrare chi, invece di una rosa o di qualche prodotto del mercato da promuovere, offrirà una poesia scritta o addirittura una recita dal vivo.

Dalle ore 10.30 di domani, infatti, Marghera si animerà con l’iniziativa “Il dono della Poesia”, reading itinerante e diffuso per le vie e i luoghi topici del quartiere idea ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MARGHERA. Domani sarà un sabato decisamente “particolare” per tutti coloro che si troveranno a passare per piazza Mercato e altre strade di Marghera. Avranno la possibilità di incontrare chi, invece di una rosa o di qualche prodotto del mercato da promuovere, offrirà una poesia scritta o addirittura una recita dal vivo.

Dalle ore 10.30 di domani, infatti, Marghera si animerà con l’iniziativa “Il dono della Poesia”, reading itinerante e diffuso per le vie e i luoghi topici del quartiere ideato da Simonetta Nardi in collaborazione con l' Associazione Voci di Carta, che già aveva proposto l’evento nel 2016 per le strade di Mestre.

Saranno più di cinquanta, tutti volontari, i lettori-distributori che, come spiegano gli ideatori della curiosa iniziativa, inserita nelle celebrazioni per il Centenario di Porto Marghera, avrà uno scopo ben preciso: «Una poesia letta al volo ai passanti, per la strada, davanti ai supermercati e dentro ai negozi, nei bar, al mercato, alle fermate del tram, può far riflettere su un luogo, le sue trasformazioni e l'identità dei suoi abitanti ».

L’iniziativa, che segue quella di successo dell’aprile 2016, potrebbe diventare una costante della cultura veneziana. (ma.to.)