Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Va in pensione Lino Gianotto vigile tra la gente per 40 anni

ANNONE VENETO. Nella piccola realtà di confine di Annone Veneto lui non era un vigile, ma era “Il” vigile. E forse anche per questo era temuto nella vicina Pravisdomini, le cui case della frazione...

ANNONE VENETO. Nella piccola realtà di confine di Annone Veneto lui non era un vigile, ma era “Il” vigile.

E forse anche per questo era temuto nella vicina Pravisdomini, le cui case della frazione Lido si trovano dentro la cintura urbana annonese. Se ne va in pensione, dopo 40 anni di onorata carriera, l’agente di polizia locale Lino Gianotto (nella foto). Sposato, una figlia, ha collezionato soltanto due giorni di assenza per malattia, in così tanto tempo. Assunto nel 1978 come messo comun ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

ANNONE VENETO. Nella piccola realtà di confine di Annone Veneto lui non era un vigile, ma era “Il” vigile.

E forse anche per questo era temuto nella vicina Pravisdomini, le cui case della frazione Lido si trovano dentro la cintura urbana annonese. Se ne va in pensione, dopo 40 anni di onorata carriera, l’agente di polizia locale Lino Gianotto (nella foto). Sposato, una figlia, ha collezionato soltanto due giorni di assenza per malattia, in così tanto tempo. Assunto nel 1978 come messo comunale ha concluso la carriera, andando in pensione dal 1 settembre, come responsabile dell’area comunale annonese dei servizi anagrafici e di polizia locale. Una bella scalata. Ha sempre avuto un occhio di riguardo per le categorie deboli; al punto che in più occasioni ha pagato le multe di tasca sua ai cittadini meno abbienti. Lino Gianotto mancherà molto tra le strade di Annone, ma c’è da giurarci che alla fine resterà al servizio della comunità, vista la sua comprovata esperienza. Magari nella Protezione civile, o in un’associazione locale.(r.p.)