Actv, da lunedì 12 la rivoluzione delle linee a Mestre e terraferma

Ennesimo cambiamento: il bus 10 si sdoppia e nasce la linea 18; la 3 torna in via Cappuccina. Circolari con percorsi più lunghi

MESTRE. Dopo il passaggio ieri in commissione Trasporti del Comune, presenti l'assessore Renato Boraso e il direttore generale Giovanni Seno, Actv e Avm ufficializzano le modifiche ad alcune linee del servizio automobilistico urbano ed extraurbano. Si cambia da lunedì 12 giugno 2017 in coincidenza con l'avvio dell'orario estivo. Un miglioramento dei collegamenti dopo le polemiche prodotte dalla rivoluzione dei bus di gennaio 2017 e una ottimizzazione dei servizi «andando incontro alle esigenze manifestate in questi mesi dalla clientela», viene spiegato. Ma le critiche non mancano. 
 
Cosa cambia. Per il servizio urbano la linea 2 vedrà l'utilizzo di bus autosnodati da 18 metri, più grandi per far fronte alla ressa ( 150 posti in più l'ora) ma la frequenza passa da 6 a 5 corse l'ora. La linea 3 torna a percorrere via Cappuccina anziché via Piave. La linea 6L resta prolungata fino al Tronchetto per tutta l'estate (corse da via Correnti a Marghera per Tronchetto alle ore 7.42, 9.22, 17.42 e 19.22 e da Tronchetto per via Correnti alle 8.15, 9.55, 18.15 e 19.55). Si sdoppia la linea 10 che rimane, con questo nome, sul collegamento tra Asseggiano e stazione di Mestre, e diventa una circolare (oraria o antioraria a seconda del senso di marcia) sul tratto via Miranese, Carducci, Cappuccina, Mestre FS, via Trento, via Miranese con una corsa l'ora per senso di marcia. Non prosegue per Marghera visto che il secondo tratto, dalla stazione a Ca' Sabbioni, diventa la nuova linea 18 con frequenza di due corse l'ora. E si allungano anche i percorsi delle linee 31H e 32H: frequenza oraria di 2 corse/ora per ciascuna linea (prima erano 3 all'ora) e percorso che passa per via Piave e via Ca' Marcello raggiungendo via Torino e viale Ancona. Ma è escluso Corso del Popolo (come da noi erroneamente indicato, ndr) mentre si passa per via Circonvallazione. Le due linee servono il collegamento tra l'ospedale dell'Angelo e Cipressina, Terraglio, via Piave, stazione diMestre, Mestre Centro (Cialdini), via Torino, viale Ancona, Pertini e via Bissuola. La linea 48H modifica le partenze da Mestre Centro e da Martellago (ai minuti 35). Per l'extraurbano la linea 5E modifica gli orari in partenza da Noale per ovviare ai problemi legati al passaggio a livello. Confermata la deviazione per via Selvanese con una corsa l'ora. Nuovi orari: da Noale ai minuti 08-28-48 e da Mestre Centro ai minuti 13-33-53. La linea 6E Mestre Centro - Scorzè cambia orari per cadenzare il servizio sulla Castellana con la 5E (da Scorzè ai minuti 03-23-43 e da Mestre Centro ai minuti 03-23-43). La linea HE modifica gli orari per le coincidenze con la 48H tra Martellago e Maerne (da Noale ai minuti 15; da Martellago ai minuti 00).
 
 Campagna informativa. La novità sarà accompagnata da una campagna di volantini distribuiti da hostess e dalla presenza del personale Actv per informare i pendolari a piazzale Cialdini nelle giornate di lunedì 12, martedì 13 e mercoledì 14 giugno. 
 
Dati sugli utenti. L'indagine che ha contato gli utenti dei bus, tra marzo e aprile 2017, ha evidenziato che sono più di 16.700 i viaggiatori delle 10 linee rivoluzionate lo scorso gennaio, tra lamentele e petizioni. Oltre 4 mila gli utilizzatori del 9 che si svuota la sera. Appena 87 in due mesi i viaggiatori delle linee notturne N3,N4 e N5 che saranno monitorate per tutta l'estate: si prevede cresca l' utilizzo. Oltre tremila i pendolari del 10 e oltre 2.700 della linea 3. Le circolari 31H e 32H superano i 2.500 passeggeri ciascuna in due mesi. Un migliaio per la 43 che collega all'università di via Torino. Rispetto alla indagine 2011, i tecnici evidenziano un leggero calo di utenti per la 3 e un incremento sulla 10. Con le duemila interviste ai passeggeri, su 225 spostamenti mappati, il 54% avviene su dieci itinerari (Piazzale Roma-Mestre Centro, Ospedale dell'Angelo-Mestre Centro ed i collegamenti con Marghera, Tessera, stazione e Via Torino). Solo il 22% degli intervistati dichiara di avere uno o più interscambi all'interno del proprio viaggio in bus e oltre la metà si muove da casa per lavoro o studio.
 
©RIPRODUZIONE RISERVATA
2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

In cerca di padrone: 4000 beagle americani sono stati salvati dai maltrattamenti di un allevamento

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi