Un indagato per lo schianto sulla Romea

È il cinese alla guida della Mercedes dove viaggiava la vittima. Oggi a Cona l’addio a Lessio

CONA. C’è un indagato per la morte dell’albergatore Loris Lessio, 40 anni, vittima dello schianto sulla Romea avvenuto verso le 2 della notte di mercoledì. Il pubblico ministero di turno Giorgio Gava ha iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio stradale il cittadino cinese di 23 anni che si trovava alla guida della Mercedes, dove Lessio viaggiava come passeggero, che si è schiantata contro un furgone al confine tra i territori di Mira e Campagna Lupia. Si tratta di un atto dovuto per poter proseguire con gli accertamenti sul maxi incidente che, oltre al decesso del 40enne, ha contato otto feriti, di cui alcuni ancora in gravi condizioni tra cui lo stesso cinese indagato. Lo schianto sarebbe avvenuto dopo un sorpasso.

Nelle prossime ore il pubblico ministero della Procura veneziana disporrà alcune perizie per approfondire la dinamica dell’incidente, affidando l’incarico ai tecnici. Anche l’indagato potrà nominare i propri consulenti di parte.

Intanto questa mattina sarà il giorno del dolore per la famiglia Lessio. Alle 10 nella chiesa di Pegolotte saranno celebrati i funerali del 40enne. La salma arriverà dall’obitorio dell’ospedale di Dolo. Al termine della cerimonia, Loris riposerà nel cimitero della frazione di Civè. La famiglia Lessio è molto conosciuta a Pegolotte in quanto proprietaria del bar e dell’albergo “Al Giardino”, nonché di svariati immobili fuori comune. All’attività imprenditoriale di famiglia, Loris dedicava quasi tutto il suo tempo. Il 40enne era molto appassionato di auto d’epoca. (ru.b.)

Video del giorno

Maxi rissa a Savona nel cuore della movida: il degrado della Vecchia Darsena

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi