Lite al parcheggio, 25enne di Cavarzere presa per il collo

La giovane denuncia l’episodio avvenuto a Ferrara. Prognosi di 30 giorni e trauma cranico

CAVARZERE. Aggredita per una precedenza in uno stallo di sosta a Ferrara, L. M., 25enne di Cavarzere è stata “presa per il collo” da un automobilista, provocandole un “trauma cranico non commotivo e distorsione del rachide cervicale” con una prognosi di trenta giorni.

Il fatto è avvenuto martedì scorso in piazza Sacrati a Ferrara quando la giovane è entrata con l’auto in uno spazio appena liberato da un’altra vettura. Erano le 11, una fascia oraria nella quale molte aree di sosta risultano al completo e si rischia di rimanere in attesa o di girare anche a lungo prima di riuscire a infilarsi in un posto libero. Un automobilista, descritto come una persona «di circa 70 anni», avrebbe parcheggiato la vettura di cui era alla guida a pochi centimetri dall’altro veicolo accusando la conducente di avergli “rubato” il posto. Quando questa è uscita dall’abitacolo l’uomo l’avrebbe afferrata per il collo facendole sbattere la testa contro un mezzo parcheggiato nei pressi. La donna ha presentato denuncia ai carabinieri di Cavarzere e si è rivolta a medici e specialisti per gli effetti del colpo subìto.

L’uomo, «di circa 70 anni», ha dichiarato la donna, avrebbe parcheggiato la propria auto quasi a contatto con la sua e avrebbe iniziato a bussare con forza contro il finestrino della vettura “usurpatrice”. «Sono scesa subito», ha raccontato L.M. «quell’uomo parlava in ferrarese stretto e io non ho capito quello che diceva. Poi mi ha afferrato per il collo facendomi sbattere la testa contro un veicolo a fianco».

Il compagno della giovane a questo punto sarebbe sceso per cercare di calmare il conducente inferocito che si sarebbe placato solo all’arrivo di una pattuglia dei carabinieri, chiamati subito sul posto vista la piega che stava prendendo la situazione. «Io non stavo bene e sono stata accompagnata al pronto soccorso», aggiunge la donna che è stata dimessa con una prima prognosi di cinque giorni, la prescrizione di un collare cervicale soffice da portare di giorno e l’invito a rispettare le “istruzioni” da seguire in caso di “ trauma cranico”. La denuncia è stata presentata per “lesioni personali”. Non si sa se l’anziano coinvolto nella lite ha deciso di rivolgersi a sua volta alle forze dell’ordine e cosa abbia eventualmente dichiarato sullo svolgimento dei fatti.

Ieri la donna è tornata dal medico che gli ha riscontrato lesioni più gravi, prescrivendole una prognosi di trenta giorni.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Maxi rissa a Savona nel cuore della movida: il degrado della Vecchia Darsena

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi