Carabinieri accusati di lesioni. Nove anni per avere giustizia

Finalmente la sentenza d'Appello per i due militari accusati da un immigrato di insulti razzisti e percosse. "Pesantissimo vivere con quest'accusa sapendo di essere innocenti"

DOLO Il nigeriano Obanor Lucky Orobosa, oggi quarantenne, residente a Fiesso, aveva raccontato che i due carabinieri che l’avevano fermato per un controllo lungo la Brentana, dopo averlo investito di insulti razzisti, erano arrivati a picchiarlo, fino a spaccargli in faccia la paletta d’ordinanza. 
 
I due militari si sono sempre difesi ribadendo di essere stati loro gli aggrediti, tanto da aver arrestato l’uomo per resistenza a pubblico ufficiale, spiegando che le ferite al volto se le era procurate da solo, dimenandosi e andando a sbattere contro la portiera dell’auto aperta.
 
 Ora, dopo nove anni di indagini, processi e tempi lunghi della giustizia, è arrivata anche in Appello l’assoluzione (come già in primo grado, nel lontano 2013) per Teodoro Laconca e Carlo Sanna, i due carabinieri della stazione di Dolo, accusati di lesioni, ingiurie con l’aggravante della discriminazione razziale, falso e calunnia. Una sentenza giunta dopo una lunga camera di consiglio, in tarda serata.
 
 «Finalmente è finita questa situazione per loro pesantissima: la pressione di vivere ingiustamente con una spada di Damocle sulla testa, sapendosi innocenti», commenta l’avvocato Marrone.
 
 I fatti risalgono al 14 maggio 2008, quando i due militari all’altezza del ristorante “La Posta” sulla Brentana fermano una Ford Fiesta. Stando ai carabinieri, il nigeriano era solo in automobile e avrebbe subito opposto resistenza al controllo, fino a diventare aggressivo; mentre l’extracomunitario ha sostenuto che con lui c’era un connazionale e che, una volta in auto, era stato insultato e malmenato dai militari.
 
 Secondo le accuse, Sanna lo avrebbe colpito alla faccia con la paletta d’ordinanza, urlandogli “sporco negro", fino a spezzarla. Quindi nella relazione con la quale lo denunciavano per resistenza avrebbero ricostruito falsamente l’accaduto.
 
 La paletta, però, con il numero di matricola uscita quella sera dalla caserma di Dolo, è stata ritrovata integra. In primo grado la giudice sara Natto aveva così respinto la richiesta di condanna a 3 anni per Sanna e 2 anni e 6 mesi per Laconca avanzata dal pubblico ministero Giovanni Zorzi, che era ricorso in appello.
 
 A quattro anni da quell’assoluzione con il comma secondo, è arrivata quella in secondo grado: i giudici della Corte d’appello hanno creduto ai due carabinieri di Dolo. Non hanno aggredito né insultato il nigeriano, che avevano fermato per un controllo. 
Video del giorno

Otranto, nel relitto in fondo al mare reperti del VII secolo a. C.: "Svelati gli albori del commercio nella Magna Grecia"

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi