In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Cristina Zabeo una pista all’estero

CAMPAGNA LUPIA. Le indagini dei carabinieri per ritrovare Cristina Zabeo, la donna di 52 anni che risiedeva in via Menin a Campagna Lupia e che dallo scorso 8 gennaio non dà più notizie di se, ora...

1 minuto di lettura

CAMPAGNA LUPIA. Le indagini dei carabinieri per ritrovare Cristina Zabeo, la donna di 52 anni che risiedeva in via Menin a Campagna Lupia e che dallo scorso 8 gennaio non dà più notizie di se, ora puntano sulla pista estera. Secondo gli investigatori cresce la possibilità di una scomparsa volontaria fuori dai confini nazionali, pare in un paradiso tropicale. Cristina potrebbe essersi allontanata in compagnia di qualcuno in treno o auto, per un lungo viaggio, senza però avvertire nessuno su dove si stava recando.

La donna di 52 anni lavora come cuoca all’aeroporto Marco Polo di Tessera. Inizialmente le indagini, per qualche giorno si sono concentrate con sommozzatori dei vigili del fuoco lungo il Naviglio del Brenta, poi si sono allargate alla zona del padovano e nell’area di Mestre dove lavorava. A Dolo è stata ritrovata la sua Micra Nissan, parcheggiata chiusa a chiave senza alcun documento dentro, a ridosso del Ponte del Vaso. La donna si è allontanata con documenti e carte di credito. Viveva sola dopo la separazione dal marito, in un appartamento a Campagna Lupia. Dall’8 gennaio Cristina Zabeo aveva preso un periodo di ferie dal lavoro. I familiari hanno dato l’allarme quando hanno saputo che il 16 gennaio non era rientrata al lavoro e hanno sporto denuncia per scomparsa. Anche marito e figli, sono convinti che Cristina Zabeo non sia morta ma si sia allontanata volontariamente. Potrebbe essersi recata all’estero e non vuole essere cercata. L’appello dei famigliari a chiunque la vedesse è però di avvisare subito i carabinieri. Il sindaco di Campagna Lupia Fabio Livieri non nasconde la sua preoccupazione: «Speriamo che non sia capitato qualcosa di grave. Sono tanti giorni, troppi che questa donna non fa sapere nulla si sé. Invitiamo Cristina a farsi viva con i familiari almeno per tranquillizzarli». (a.ab.)

I commenti dei lettori