«Terna deve interrare tutto l’elettrodotto Fusina-Dolo-Camin»

Mozione in regione contro il progetto di megaconduttura elettrica aerea. Sindaci pronti alla battaglia

MARGHERA. Sul nuovo progetto di Terna per la razionalizzazione dell’elettrodotto ad alta tensione Fusina-Dolo-Camin – che comprende anche il capitolo dell’atteso interramento dei tralicci nell’area del Vallone Moranzani a Malcontenta, citato anche nel Patto per Venezia – si profila un nuovo braccio di ferro.

Uno scontro diretto tar Terna e i territori interessati che potrebbe rientrare a suon di ricorsi, come quelli che hanno portato alla bocciatura definitiva dell’analogo progetto presentato nel 2006 con una sentenza di revoca nel 2013. Pochi giorni fa sono stati i sindaci della Riviera del Brenta, dopo aver analizzato il nuovo progetto di Terna – per il quale è stata riavviata la procedura di valutazione dell’impatto ambientale – hanno ribadito che «sono state ignorate le istanze, a cominciare dalla richiesta di interramento di tutte la linea, espresse dal territorio al momento della presentazione del precedente progetto che è stato bocciato, 7 anni dopo la presentazione, dal Consiglio di Stato». Una rappresentanza di sindaci della riviera ha annunciato che sarà presente a Roma il prossimo 1° febbraio alla prima conferenza dei servizi nella quale si discuterà del progetto. Intanto, arriva anche in consiglio regionale con una mozione urgente, presentata da Bruno Pigozzo e sottoscritta dai colleghi di Pd, lista Amp e Veneto Civico.

« L'assessore regionale Bottacin rassicura i residenti nei territori della Riviera interessati dal tragitto dell’elettrodotto – recita la mozione – , ma nel frattempo Terna spa ha presentato un progetto sostanzialmente identico a quello già stoppato dal Consiglio di Stato con una sentenza».

«La linea dell'elettrodotto Fusina-Dolo-Camin gestito da Terna va interrata e la Regione Veneto deve intervenire urgentemente per tutelare il territorio e i suoi cittadini – continua la mozione – . Stiamo parlando di un'opera estremamente impattante: chilometri di linee aeree che si svilupperebbero nei territori tra le province di Padova e Venezia, lungo l'asse dell'idrovia con piloni alti fino a 60 metri a due passi da ville storiche che si affacciano sul Brenta, un autentico scempio ambientale e artistico. Senza dimenticare l'inquinamento elettromagnetico, visto che si parla di un enorme elettrodotto da 380 kw». (g.fav.)

 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Otranto, nel relitto in fondo al mare reperti del VII secolo a. C.: "Svelati gli albori del commercio nella Magna Grecia"

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi