La “banca” dei pusher era nel bazar africano

Un negozio di Padova funzionava da copertura per ripulire e trasferire il denaro degli spacciatori. Tra gli arrestati due che operavano sulla piazza veneziana