Pastore evangelico arrestato per spaccio

Fermato dai carabinieri nella zona industriale di Padova. Nullatenente, chiedeva aiuti alla Caritas ma secondo i militari conduceva una vita agiata. Sabato il processo per direttissima

DOLO. Venerdì sera i carabinieri della tenenza di Dolo hanno arrestato a Padova un trentaseienne nigeriano, Obahor Oghens, nullafacente, pregiudicato e residente nella città del Santo. L'indagine, che mirava a contrastare la diffusione dello spaccio di droga in Riviera del Brenta, ha portato i militarI a pedinare alcuni assuntori fino alla zona industriale di Padova, dove acquistavano la droga, soprattutto cocaina. Qui Oghens, che risulta essere un pastore evangelico, incontrava i clienti per le cessioni. I militari di Dolo, hanno capito che l'uomo dava appuntamento qui ai clienti, arrivava in auto e in pochi secondi scambiava la droga con il contante degli acquirenti. Stavolta ha trovato i carabinieri, in borghese, che sono riusciti a bloccare evitandone la fuga. La successiva perquisizione personale, della macchina e della sua abitazione ha permesso di recuperare due dosi di cocaina, materiale per la pesatura dello stupefacente e 1.400 euro in contanti.

Stando alle informazioni raccolte dai carabinieri, il nigeriano, pur nullafacente, viveva in condizioni molto agiate e usufruiva, ciò nonostante, assieme alla famiglia degli aiuti della Caritas. L'uomo è stato trattenuto in camera di sicurezza in attesa del processo per direttissima. La sentenza è una condanna ad un anno ed un mese con obbligo di dimora nella abitazione di Padova e divieto di uscire di casa tutti i giorni dalle 21 alle 6 del mattino successivo.

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi