In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

In 150 mila sulle spiagge auto in coda, hotel pieni

Jesolo: ultimo weekend di settembre con sole e caldo sul litorale. E c’è chi fa il bagno Soddisfatti gli albergatori, ora si attendono i gruppi di stranieri in ottobre

Giovanni Cagnassi
1 minuto di lettura

JESOLO. Spiagge ancora affollate, ieri una giornata di sole con bagno fuori stagione per tanti turisti lungo il litorale che hanno chiuso in bellezza il weekend. E anche la domenica soleggiata con l’arrivo di tanti pendolari nuovamente in coda è stata una sorpresa di fine stagione. Qualche disagio anche in autostrada, colpa a dire il vero anche dei cantieri tra Portogruaro e San Stino con le auto in fila per tre chilometri in direzione Venezia. Gli operatori parlano di almeno 150 mila persone con gli alberghi ancora pieni al 75 per cento.

È stata l’ultima domenica di settembre ma dal sapore ancora estivo, ora si entrerà nuovamente nella bassa stagione per iniziare a parlare di vacanze natalizie. L’anno scorre velocemente e anche la pausa di ottobre potrà riservare delle belle sorprese se il tempo terrà come sembra almeno nella prossima settimana.

Il presidente dell’Aja, Alessandro Rizzante, ricorda che la stagione è terminata ieri con le ultime partenze prima del rientro. Si prevede il ritorno a casa anche degli stranieri, vale a dire tedeschi e austriaci discesi per approfittare degli ultimi giorni di sole. Poi arriveranno i gruppi di ottobre, in un periodo delicatissimo.

Ma attenti ai prezzi, come suggerisce Rizzante, per non svendere le strutture. «Arriveranno molti gruppi», spiega il presidente, «per lo più studenti, non vale la pena di svendersi e svalutare nei prezzi gli alberghi di una località che esce da una magnifica stagione in cui il suo nome è echeggiato in tutta Europa. Mi permetto di consigliare soprattutto di non accettare certe condizioni che rischiano di svilire l’offerta della località in generale e in primis gli albergatori che abbassano. È importante non rovinare la propria immagine».

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori