Pokémon go, petizione online per poter giocare anche a Venezia alla follia dell'estate

Pokémon Go il gioco-tormentone dell'estate in tutto il mondo

Da quando è stata lanciata l'applicazione per dare la caccia ai "mostri" è diventata un delirio mondiale

VENEZIA. Dal 15 luglio - da quando Nintendo ha rilasciato l'applicazione per iPhone e Android per giocare - è una vera e propria follia mondiale.

Parliamo di Pokémon Go, la caccia tra le strade delle città - cellulare alla mano - ai piccoli mostri di una celebre serie di cartoon giapponesi: si cercano, si "punta" con lo smatphone, si lancia una "mega ball" e si catturano. Ce ne sono più di cento, si gioca in squadre.

Una mania collettiva dilagata in pochi giorni in ogni dove, da New York al Giappone, dalla Nuova Zelanda a Padova, dove due studenti universitari sono stati multati all'alba di martedì per 210 euro, perché in sella a un motorino vagavano  senza assicurazione, casco e entrambi con il cellulare in mano, per dare la caccia ai Pokémon: "Avevamo la testa per aria, eravamo in giro quando ci sono meno giocatori, per conquistare palestre" si sonos cusati con gli allibiti carabinieri che li hanno fermati.

A Venezia, però,  si trovano ancora pochi Pokémon:  non è tra le città scelte per fare da scenario alla caccia virtuale, così è partita una mobilitazione online per chiedere a Nintendo di lanciare il gioco anche in laguna. Poche ore e sono state messe in rete  una pagina Facebook e  petizione online su Change.org, che ha raccolto in breve quasi 400 firme: "Non ci sono Pokèmon a Venezia. Per piacere,  Niantic o Nintendo risolvete questo problema: siamo la più bella città nel mondo e non abbiamo alcun ratata o Pidgey!". 

In realtà, "palestre" (punti di ritrovo per la caccia) ce ne sono a Venezia: al ponte di Rialto, a quello dei Sospiri, al ponte di Calatrava, alle Zattere -   ma pare ci siano pochi  "mostri" virtuali da catturare: sono di più a Mestre e al Lido.

Guardando quel che accade nelle altre città, forse è però un bene che a Venezia non sia ancora sbarcata in laguna la  mania dell'estate 2016.

New York, delirio a Central Park: tutti a caccia del Pokémon raro

Il gioco. Lo scopo del gioco è semplice: l'obiettivo è catturare quanti più Pokémon possibili utilizzando il sistema Gps, la fotocamere e le mappe di Google Maps. Le famose creature del cartone animato sono infatti disseminate in ogni Comune (ma non ancora a Venezia) ammassate in particolare dove l'utenza e la densità di abitanti è maggiore. Nella Bassa padovana ci si danna dunque doppiamente per riuscire a recuperare i Pokemon ben più facili da trovare a Padova e nella cintura urbana.

Pokémon Go, l'evoluzione della specie

Il caso di Padova. Da giorni, la febbre da caccia ai Pokémon è, infatti, scoppiata a Padova.

A Este, ad esempio, la principale palestra (luoghi virtuali a cui si può accedere solo con un certo livello, contesi tra tre squadre a cui ogni giocatore deve iscriversi - rossa, gialla e blu -, e che coincidono con luoghi di particolare interesse storico, artistico o sociale) è la basilica delle Grazie, ma anche l'istituto Atestino e il monumento ai Caduti di viale Rimembranze, mentre il patronato di viale Fiume è ricco di PokeBalls (palle da lanciare addosso agli animali per catturarli, utilizzando la punta del dito sullo schermo del proprio telefono) e uova (che si schiudono solo percorrendo km a piedi o in bici). A Baone i PokeStops (dove sono concentrate appunto palle e uova) sono in chiesa (aggregazioni di giovani nei sagrati, dunque, in queste ore hanno tutto fuorché vocazioni spirituali), accanto alla Madonnina della piazza, al monumento dei Caduti, mentre a Montagnana basta passare per la piazza o attraverso Porta Padova e via San Francesco. Nella città medievale le palestre sono quelle della chiesetta di Sant'Antonio e Villa Pisani, mentre a Monselice il luogo clou in cui giocare a "Pokemon Go" è la stazione dei treni.

 

 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Atletica, lite tra Tamberi e Fassinotti: niente stretta di mano e qualche parola di troppo

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi